ORZINUOVI – La Rocca ospita “Oltre”: mostra d’arte per otto figure

0

Verrà inaugurata sabato, alle 18, alla Rocca di Orzinuovi, la mostra “Oltre, otto artisti al di là dell’apparenza”.

MIRROR 2010 DONZELLIL’evento, curato da Angela Madesani, durerà fino al 27 febbraio, e vedrà in esposizione le opere di numerosi artisti: Pierpaolo Curti, Pietro D’Agostino, Sandro De Alexandris, Ivan De Menis, Maurizio Donzelli, Antonio Marchetti Lamera, Nada Pivetta, Fiorenzo Rosso. La mostra è una riflessione che va ben oltre i singoli mezzi, che punta i riflettori sull’essenza e sull’operare artistico, attraverso diversi linguaggi dell’arte: dalla pittura alla scultura al video, all’installazione alla fotografia. Basata sul lavoro di otto artisti, che ci propongono un’analisi preziosa sul fare artistico contemporaneo, uniti in una coralità tutt’altro che casuale. Non una mostra collettiva dunque, ma una riflessione sul superamento dell’effimero nel panorama dell’arte contemporanea italiana.

È una riflessione sul senso e l’utilizzo dei materiali quella della milanese Nada Pivetta, della quale sono in mostra alcuni lavori di ceramica. Ombre urbane, legate alla città traspaiono nelle opere pittoriche del bergamasco Antonio Marchetti Lamera. Una dimensione straniante e frastornante è nei grandi dipinti figurativi dell’artista lodigiano Pierpaolo Curti, in cui il richiamo è alla solitudine dell’uomo contemporaneo. Quella del bresciano Maurizio Donzelli è una riflessione sull’oggetto simbolo del senso dell’apparenza,  lo specchio, con tutte le sue implicazioni. Lo specchio è presente anche nel lavoro del vercellese Fiorenzo Rosso, con i suoi grandi cannocchiali precinematografici. Sono riflessioni sulla pittura non figurativa, sulla stratificazione della materia quelle presenti nei lavori del torinese De Alexandris e del trevigiano Ivan De Mensis, appartenenti a due generazioni diverse, ma accomunati dal senso della ricerca.  Le sculture fotografiche del romano Pietro D’Agostino sono un tentativo, riuscito, di donare la tridimensionalità a un oggetto di per sé bidimensionale, la fotografia.

La curatrice della mostra, Angela Madesani è una storica dell’arte e curatrice indipendente  è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia” e di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori. Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere, collabora con alcune testate di settore. È responsabile della collana di fotografia e arte di Dalai editore, all’interno della quale ha realizzato numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice. Oltre che all’Accademia di Brera di Milano, insegna all’Istituto Europeo del Design di Milano. Collabora con alcune riviste di settore tra le quali Artribune e arteecritica.

La mostra sarà visitabile dal lunedì al sabato dalle 16 alle 19 e nei weekend dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.