LONATO – Guasto Telecom, il sindaco: “1.600 utenti senza telefono”

0

Fuori servizio da tre giorni i telefoni di Lonato del Garda. Ben 1.600 utenze scollegate da martedì 29 gennaio e il sindaco Mario Bocchio alza la voce, vista l’assenza di qualsiasi informazione preventiva, come di comunicazioni o tentativi di risoluzione del problema (a oggi, 31 gennaio 2013, il disagio persiste).

LONATO telecom“È un grave disagio per noi, ente pubblico, ma anche per le aziende, famiglie, centri medici e attività commerciali lonatesi, che da più di tre giorni hanno la linea telefonica interrotta. Non si possono mandare fax né fare telefonate. Anche internet non va. Se il problema non si risolverà in tempi brevi, il Comune di Lonato del Garda si è già mosso per avviare un’azione legale collettiva”, ha dichiarato il primo cittadino Mario Bocchio infuriato per l’assenza di preavviso e di considerazione da parte della compagnia telefonica. “La questione non è solo economica, ma anche sociale. Non si può restare per così tanto tempo senza telefono funzionante, considerato che ci sono molte persone anziane che hanno bisogno di chiamare in caso di necessità parenti o medici”.

Quindi scatta l’appello alla cittadinanza coinvolta nel disagio: “Siamo decisi – ha continuato Mario Bocchio – a intraprendere contro Telecom un’azione legale collettiva; 1.600 utenti sono troppi e per il nostro comune questa sta diventando una vera emergenza. Non si riesce a lavorare, non si può fermare un’attività per quasi una settimana lavorativa. Le ditte, gli studi e gli esercizi commerciali che sono interessati a portare avanti con noi l’azione legale collettiva possono recarsi in Comune e scriverla presso i nostri uffici (in Segreteria, al primo piano).

Si pensava che Telecom risolvesse il problema entro 48 ore – ha concluso il sindaco Mario Bocchio – e invece stiamo ancora attendendo qualsiasi forma di attenzione nei confronti del nostro comune e dei nostri cittadini. Altri gestori avvisano prima di togliere un servizio. In questo caso nulla, nessun avviso né prima né dopo. Silenzio e disservizio totale!”.