MILANO – Simply dona 1,3 milioni alla Telethon per la ricerca sulle malattie genetiche

0

Si è conclusa l’undicesima edizione della raccolta fondi a favore della ricerca scientifica sulle malattie genetiche di Telethon nei punti vendita Simply, diretti e affiliati. Con l’impegno e la generosità di collaboratori e clienti, Simply Italia ha donato a Telethon 1.332.390 euro, oltre 300 mila euro in più di quanto annunciato alla maratona televisiva prenatalizia. Si tratta di un risultato notevole, considerando soprattutto il periodo di crisi economica e il ridotto potere d’acquisto delle famiglie italiane. Della cifra totale raccolta, la maggior parte proviene dai punti vendita ed è frutto della generosità della clientela (attraverso la donazione alle casse, l’acquisto di un prodotto solidale o di una referenza al marchio), mentre circa 50 mila euro sono derivati dalle donazioni dei collaboratori dell’azienda.

TelethonPer sensibilizzare e coinvolgere maggiormente i clienti in questa importante iniziativa di solidarietà sociale, i collaboratori dei punti vendita hanno anche organizzato circa 300 manifestazioni locali sul territorio a sostegno della raccolta fondi: spettacoli musicali, teatrali, balletti e competizioni sportive. Grande successo ha ottenuto anche la campagna di raccolta fondi “Io esisto… mettici la faccia”, organizzata sulla fan page di Facebook Simply per Telethon, con oltre 8.700 nuovi “Mi Piace” e più di 100 foto postate per dimostrare la propria vicinanza alla lotta alle malattie genetiche. “In questo periodo di difficoltà per il bilancio delle famiglie, voglio ringraziare i nostri clienti per la generosità dimostrata in questi mesi di raccolta e le squadre dei punti vendita per l’impegno con cui hanno organizzato i numerosi eventi sul territorio – ha dichiarato Antonello Sinigaglia, direttore generale di Simply Italia.-

Sono particolarmente lieto che in questi undici anni di collaborazione con Telethon l’entusiasmo dei collaboratori nel trasmettere questi importanti valori di solidarietà sociale non sia scemato, ma anzi continui a crescere in maniera significativa”. Per quanto riguarda i risultati dei singoli punti di vendita, al primo posto nella classifica della generosità sono i clienti siciliani dell’IperSimply di Lentini (con oltre 17 mila euro donati), seguiti quelli di Macerata (16.375 euro), dai siciliani di Riposto (14.244 euro), dai veneti di Piove di Sacco (14.141 euro) e dai lombardi di Boario Terme (12.061 euro). A livello regionale, la donazione più cospicua di circa 299 mila euro arriva dai 122 punti vendita diretti della Regione Lombardia. Al secondo posto si trovano i 51 punti vendita laziali diretti con oltre 122 mila euro donati, seguiti dai 36 siciliani diretti con oltre 120 mila euro, dai 23 marchigiani diretti con circa 91 mila euro e dai 17 veneti diretti con circa 79 mila euro.

“Negli anni la Fondazione Telethon è riuscita a conseguire vittorie importanti. Grazie alla ricerca, oggi esiste la possibilità concreta di un futuro per i bambini che, nel mondo, sono colpiti da alcune di queste malattie – ha evidenziato Francesca Pasinelli, direttore generale di Telethon.- Tutto ciò è stato reso possibile anche dal sostegno di gruppi imprenditoriali che hanno aderito ai valori della responsabilità sociale d’impresa. Nonostante i successi, le malattie da sconfiggere sono ancora molte e la sfida che abbiamo davanti è enorme. Collaborazioni come quella che negli anni si è sviluppata con Simply, alleato prezioso e partner di raccolta, sono fondamentali”. Grazie ai fondi raccolti, negli anni Telethon ha potuto finanziare 1.510 ricercatori per 2.431 progetti di ricerca su 445 malattie genetiche studiate, meritando 8.698 pubblicazioni sulle riviste scientifiche internazionali.

Per mantenere la promessa fatta ai pazienti, Telethon si è impegnata a trasformare i risultati della ricerca di base in terapie accessibili. Un passaggio impegnativo che si avvale anche della partnership con aziende farmaceutiche. Telethon nel 2010 ha stretto un accordo con GlaxoSmithKline (Gsk) per la messa in sicurezza del programma clinico svolto presso l’Istituto Telethon per la Terapia Genica (Tiget) di Milano. Ad ottobre di quest’anno, Telethon ha siglato un nuovo accordo con Shire, un’altra multinazionale del farmaco, per sostenere con un finanziamento quinquennale la ricerca dell’Istituto di genetica e medicina (Tigem) di Napoli. L’accordo nasce dai risultati conseguiti negli anni dai ricercatori del Tigem, che riguardano principalmente la comprensione del processo di smaltimento cellulare delle sostanze tossiche e la messa a punto di metodiche per la terapia genica.