CHIARI – Padre Piamarta e l’importanza del lavoro: si parla a convegno

0

Un incontro pubblico di riflessione e approfondimento sulla vita e l’opera di Padre Giovanni Piamarta. Ad organizzarlo è il circolo Acli di Chiari, con il patrocinio del Comune cittadino, in occasione della recente santificazione di Piamarta, avvenuta il 21 ottobre scorso.

giovanni-piamartaL’incontro si terrà sabato 2 febbraio alle 10 al Museo della Città di Chiari in Piazza Zanardelli. Durante l’evento interveranno: Padre Francesco Ferrari, direttore dell’Istituto Piamarta e il professor Vincenzo Filisetti, membro del Cda dell’Istituto Cfp Zanardelli.

Padre Piamarta, nato a Brescia da Nato a Brescia da una povera famiglia nel 1841 conosce una esistenza di privazioni e di stenti e fin da piccolo diventa apprendista lavorando come materassaio per 10 ore al giorno. Dedica poi tutta la sua vita da sacerdote alla formazione dei giovani, a quella professionale in particolare. In un momento di particolare difficoltà e crisi economica come quella di fine ottocento Padre Piamarta individua nella capacità di lavorare la possibilità di un riscatto sociale.

Come per i benedettini il motto era  “Ora et labora” il suo diventa “Pietas et labor”. Anche oggi la capacità e la creatività del lavoro artigiano sono potenti antidoti alla crisi e strumenti di riscatto sociale. La città di Chiari ospita un importante istituto di formazione professionale, il CFP Zanardelli, e il circolo di Chiari intende offrire alla città una significativa occasione di riflessione sul tema del lavoro, dei giovani e della formazione professionale.

All’incontro parteciperanno anche due classi quinte dell’istituto Zanardelli in qualità di ospiti.