GARDA – Custoza e Bardolino doc sugli aerei della Livingston

0

I Consorzi di tutela delle due denominazioni di origine controllata veronesi nei giorni scorsi hanno siglato un accordo semestrale con la Livingston, compagnia aerea italiana specializzata nelle rotte turistiche controllata da Riccardo Toto. In modo particolare, in virtù dell’accordo, a bordo degli aerei verranno servizi Bardolino e Custoza.

Garda livingston“Crediamo sia la prima volta in assoluto – ha detto Carlo Nerozzi, il presidente del Consorzio del Custoza – che un’intera area vinicola come quella delle colline che stanno tra Verona e il Garda si presenta in maniera unitaria ad un pubblico di grande interesse com’è quello di chi ama viaggiare”. “Avremo l’occasione di far conoscere i nostri vini – ha aggiunto Giorgio Tommasi, il presidente del Consorzio del Bardolino – a una decina di migliaia di persone, una platea che presenta un alto potenziale per il nostro territorio e le nostre doc”.

La compagnia aerea Livingston è nata nel 2012 e gestisce voli internazionali e intercontinentali, principalmente dalla base dell’aeroporto di Milano Malpensa, ma anche da Verona Villafranca, da Rimini e da Roma. Si tratta di voli charter di corto e medio raggio, diretti verso mete turistiche consolidate, come il Mar Rosso, la Grecia, la Tunisia, Israele, la Turchia, le Isole Canarie, Capo Verde, Lampedusa, Lamezia, Cagliari e così via. Dall’inizio del 2013 e fino a giugno, dunque, il vino bianco ufficiale della compagnia sarà il Custoza, mentre il rosso sarà il Bardolino.

I viaggiatori della classe business, in particolare, avranno a loro disposizione una vera e propria carta dei vini con il Custoza Spumante e il Bardolino Chiaretto Spumante come aperitivo e poi una selezione di etichette di Custoza e di Bardolino per accompagnare il menù di bordo. In più Livingston mette a disposizione dei Consorzi del Bardolino e del Custoza un ampio pacchetto pubblicitario e promozionale, cosa non di certo trascurabile.

“Abbiamo visto – ha detto Nerozzi – che quelle che viaggiano con Livingston sono persone dinamiche, esplorative, certamente dotate di buone risorse economiche e culturali, ma sono anche vacanzieri più spensierati, famiglie e giovani coppie che si spostano nei periodi canonici. Insomma, si tratta del pubblico ideale anche per i nostri vini, che sono apprezzati per la loro piacevolezza, per la loro facile abbinabilità col cibo, anche quello delle cucine del mondo”.

“Si tratta di una buona occasione di promozione – ha aggiunto Tommasi – presso un target che rappresenta certamente un punto di riferimento per i vini che nascono sulle colline moreniche del Garda, ed anche, perché no, una sorta di invito a visitare il nostro territorio per una vacanza all’insegna dell’enoturismo”.