SALÒ – ‘Profumo di tartufi’, da venerdì la rassegna

0

‘Profumo di tartufi’ è il nome della rassegna che da venerdì a domenica si svolgerà a Salò, che ospiterà la mostra mercato del Nero Pregiato, la principale vetrina del nord d’Italia dedicata al tartufo che, sulle colline benacensi, matura tra dicembre e marzo.

La rassegna, giunta ormai alla terza edizione, accende i riflettori sulla tartuficoltura, coltivazione che ha messo le radici nel bresciano e costituisce un’ottima occasione con concrete prospettive di business.

Salò tartufo
Tartufo nero

“Chi ha iniziato a coltivare negli anni ’90, oggi sta reinvestendo” ha detto Virgilio Vezzola, presidente dell’Associazione Tartufai Bresciani, alla presentazione della manifestazione a Villa Barboglio in città, ospite dell’assessore provinciale all’Agricoltura, Gianfranco Tomasoni; con loro anche Aurelio Nastuzzo, assessore all’ambiente del Comune di Salò, e Gianni Briarava, responsabile della condotta Slow Food del Garda.

“I vantaggi della diffusione di questa attività in montagna sarebbero enormi – ha aggiunto -, si potrebbe fermare il trend dello spopolamento rendendo produttivi i boschi. Anche di questo parleremo nel tradizionale convegno che si terrà sabato pomeriggio alle 16.30”. La produzione naturale, tuttavia, è andata calando, causa il maltempo. “Le gelate di dicembre hanno falcidiato il 50% del raccolto. Questa è solo l’ultima tegola di un’annata difficile, che fin dall’estate ci ha fatto soffrire a causa della siccità”, ha spiegato Vezzola.

La mostra mercato, come ricordato dall’assessore Nastuzzo, “offre ai produttori del territorio la possibilità di contatti fuori dei confini nazionali”. Gran protagonista della rassegna sarà il tartufo di Salò, morfotipo della specie del Nero Pregiato divenuto una bandiera della tipicità locale. “Per Slow Food questa piccola produzione rappresenta un esempio di quella biodiversità che da sempre vogliamo difendere – ha detto Briarava -. L’obiettivo? Far capire ai consumatori che il Nero è tutt’altro che un tartufo di serie b, e che adeguatamente valorizzato in cucina sa dare soddisfazioni impagabili”.