PRALBOINO – Identificato il punto in cui dovrebbe essere caduto l’aereo

0

Grazie alla traccia di un radar militare, è stato identificato il punto in cui il bimotore partito la Los Roques avrebbe perso improvvisamente quota.

los roquesSi continua quindi ad avvalorare la tesi dell’incidente aereo, che sembra adesso la pista più probabile. A riferire questa novità sono le fonti dell’ambasciata italiana a Caracas, che sottolineano come adesso sia possibile individuare un area precisa in cui l’aereo sarebbe potuto cadere in mare, probabilmente attorno alle 11.30 del mattino. Le fonti diplomatiche, affermano che le ricerche, non saranno comunque facili, perché proprio in quella zona, i fondali arrivano fino a 2mila metri di profondità, una misura eccessiva per le strumentazioni e per i mezzi che sono stati impiegati fino ad ora.

Dell’Islander, pilotato da due venezuelani, a bordo del quale le coppie Foresti e Missoni viaggiavano, si erano perse le tracce pochi minuti dopo il decollo da Gran Roque, l’isola principale dell’arcipelago. Fino ad ora, le ricerche si sono concentrate su un triangolo di mare che dista poche miglia dal punto del decollo del bimotore. Ora grazie a queste nuove informazioni, le ricerche potranno essere più precise e approfondite e portare, si spera, delle risposte chiare, come ha affermato Giulio Terzi, Ministro degli Esteri “le ricerche andranno avanti finchè non ci sarà qualche indicazione conclusiva”.