MONTISOLA – “La Rete” potrebbe lasciare l’isola: troppe tasse sui rifiuti

0

Gli imprenditori di Montisola non si dicono contenti a causa delle tasse sempre più elevate, non hanno infatti reagito bene all’aumento dovuto all’Imu e alle tasse sui rifiuti.

In particolare, il retificio “La Rete”, il più importante dell’isola ha preannunciato la possibilità di abbandonare l’isola per riprendere il suo lavoro in un altro comune.montisola
L’ex sindaco e attualmente consigliere di minoranza Antonio Turla ha proposto un rimedio per abbassare i costi dello smaltimento di rifiuti: “Educare i visitatori a riportarsi a casa i rifiuti prodotti sull’isola”.
Secondo l’ex sindaco, ci sono circa 200 cestini sull’isola, l’eliminazione di alcuni di questi comporrebbe una riduzione della spesa di smaltimento.

Il problema dei rifiuti è il punto centrale che per molti ha creato un aumento delle tasse, si parla che nel 2012, da 9mila si è passati a 16mila.

L’attuale sindaco Pier Giuseppe Ziliani ha dichiarato: “l’aumento non è imputabile alla crescita delle tasse, ma al fatto che “La Rete” ha sempre dichiarato una metratura inferiore al reale, poco più della metà.

Sempre secondo Antonio Turla i costi per i rifiuti sono doppi a Montisola rispetto agli altri comuni, gli isolani, per lo smaltimento di un metro di superficie industriale pagano 8,03 euro, rispetto ai 3 euro di altri comuni.

L’opposizione ha presentato una mozione in consiglio per dimezzare i costi della tassa sui rifiuti, la proposta è però stata bocciata.