MONTICHIARI – Scontro sul Pgt, la Lega rimane sola

0

La Lega Nord si trova da sola contro tutti. Il Pgt è stato approvato con il solo voto della maggioranza, cioè della Lega, mentre Pd, Pdl e Area Civica Monteclarense si sono espressi a sfavore. I partiti di minoranza continuano ad avanzare critiche sia sulla procedura seguita che sul contenuto delle scelte.

elena-zanolaIl Piano di Governo del Territorio è un momento cruciale per la vita di un Comune, fondamentale per definire concretamente lo sviluppo di una città, e sembra quindi strano che il sindaco Elena Zanola e il suo partito lo abbiano condotto “in solitaria”, in maniera autonoma rispetto agli altri consiglieri comunali. Proprio per questi motivi durante la votazione i rappresentanti Pd e Pdl hanno addirittura abbandonato l’aula, mostrando tutto il loro sdegno e la loro contrarietà.

Paolo Verzelletti, capogruppo della lista di minoranza Area Civica Monteclarense, ha affermato, come riporta il Bresciaoggi: «Non riusciamo a capire cosa abbia spinto il sindaco Elena Zanola a rilasciare affermazioni prive di fondamento sull’iter del documento di pianificazione: mi riferisco per esempio alla deroga sui tempi di approvazione del Pgt in relazione al Piano d’area dell´aeroporto. Il primo cittadino sostiene di aver ottenuto una moratoria che non risulta agli atti comunali.Il varo del piano poteva e doveva essere l’occasione di un confronto ampio e articolato all´interno della comunità.

Il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte urbanistiche era un atto dovuto, visto che l’esecutivo gestisce un patrimonio collettivo. Le decisioni sono state invece calate dall’alto: per questo il Pgt è moralmente da bocciare». Simili, le convinzioni del Pd, che Angelo Ferrari, capogruppo, sintetizza così :«Resto profondamente convinto della possibilità di un diverso coinvolgimento, tenendo conto che il cittadino medio non è né un tecnico né un urbanista, ma opportunamente informato è fortemente interessato alle prospettive della sua città».