BASSA BS – I pensionati Cisl chiedono “equità e sviluppo”

0

Ghedi, Montichiari e Castenedolo si preparano al Congresso rinnovo cariche del territorio Brecia-Valcamonica previsto per metà febbraio. “Equità e sviluppo” sono queste le richieste dei pensionati Cisl dei tre Comuni.

fnp_cisl_pensionatiIl programma del Governo Monti si è basato su Rigore, Equità, Sviluppo. Il primo intento era quello di sistemare i malandati conti italiani: le scelte di rigore non sono mancate. E proprio su queste scelte si fa sentire la critica dei pensionati, che sostengono che tale rigore è stato applicato in modo lineare, facendo pagare in massima parte i lavoratori dipendenti e i pensionati che già sostenevano le casse dello Stato per l’80% delle sue entrate. Nel frattempo il potere di acquisto delle pensioni  è ancora diminuito.

Aumenti dei salari delle pensioni sono ancora le battaglie primarie per la Cisl per ridare sviluppo, assimilabile a provvedimenti che possono sollecitare le imprese ad investire in posti di lavoro.”Occorre ridare voce al Sindacato, sostenendolo particolarmente in periodi di difficoltà”, sostengono nelle assemblea di Castenedolo, Ghedi e Montichiari i massimi responsabili delle segreteria territoriale della Fnp di Brescia Alfonso Rossini, Luisa Battagliola, Luciano Geroldi, Silvano Sala, Silvio Ortolani.

I delegati a rappresentare la bassa bresciana orientale, facente capo a quindici paesi della zona Montichiari-Ghedi-Carpenedolo, al Congresso Provinciale saranno Lorenzo Treccani, Giacomo Bertozzi, Adriano Bonetti, Giovanni Bertagnali, Giuliana Delbasso, Giovanni Dell’aglio, Giancarlo Filippini, Alda Oldofredi, Marino Marini.