INZINO – “La dieta del dutur” a teatro per i 33 anni dei “Caicì”

0

33esimo appuntamento natalizio dell’associazione culturale “I Caicì de Inzì” con la commedia “La dieta del dutur”. Sono tre atti comico-brillanti di Stefano Godizzi scritti in dialetto bresciano. La compagnia ha già recitato con successo altri suoi testi, per uno dei quali vanta il record di presenze al Cinema di Inzino di Gardone.

Fonte: BresciaOggi
Fonte: BresciaOggi

Il lavoro di quest’anno presenta una famiglia benestante senza figli: la moglie è casalinga e il marito ha un negozio d’abbigliamento con tre dipendenti. Da un saltuario controllo sanitario del capofamiglia, le analisi del sangue rivelano valori fuori norma. Il medico di famiglia prescrive una dieta ferrea che consegna alla consorte, raccomandandole di mantenerla rigidamente. Nella vicenda si inserisce una particolare situazione famigliare legata a un’eredità già destinata, dove emergono egoismi contrapposti a solidarietà che animano ulteriormente lo spettacolo.

Il finale è, come in ogni commedia, a sorpresa. I personaggi di Godizzi sono semplici, autentici e originali. Il linguaggio tipicamente bresciano richiama detti e parole che tendono a scomparire dal vocabolario comune, ma che risentiti sul palcoscenico riaprono ricordi d’infanzia, rianimano le figure caratteristiche della tradizione popolare che hanno reso la vita delle piccole comunità montane e contadine, degne di quei valori solidali e di coesione sociale.

Nello svolgersi del tema ognuno può riconoscere persone a lui vicine e rivivere le stesse esperienze nella quotidianità. Gli episodi non sono mai un paradosso, ma semplici realtà che il trascorrere del tempo non ha cancellato e in alcuni casi si ripresentano più o meno palesemente. Attraverso l’animazione teatrale e il sorriso gli avvenimenti, seppur negativi, possono essere vissuti meno drammaticamente. Gli applausi e le risate che hanno riempito il Cinema di Inzino nei giorni natalizi confermano l’apprezzamento del pubblico verso la Compagnia.

Il giorno di Natale, lo scorso 25 dicembre, è stato l’occasione per festeggiare trent’anni di scenografia e collaborazione del pittore gardonese William Fantini con l’associazione, vent’anni di Piergiorgio Turinelli e dieci di Stelio Bettini e dare il benvenuto al nuovo parroco Don Gabriele. Dopo il saluto del sindaco Michele Gussago la prima serata si è conclusa con l’appuntamento alle repliche. Mancano altri giorni per chiudere l’impegno, ma rafforzati dagli ottimi commenti degli spettatori e amici, la compagnia pensa già alle prossime repliche della commedia. I prossimi appuntamenti si terranno, tutti alle 20,30 e al Cinema di Inzino, sabato 29 e domenica 30 dicembre, il 5 e 6 gennaio.