RIVA DEL GARDA – Il bike sharing elettrico tra innovazione e qualità del servizio

0

Il progetto è stato sostenuto da un bando del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che ne ha riconosciuto non solo il carattere innovativo, ma anche la “gestione attenta sotto il profilo ambientale”, le “ottime infrastrutture realizzate negli anni per la mobilità alternativa” e il “presidio costante della viabilità interna”.

Riva del Garda, su un totale di 314 partecipanti e 57 Comuni finanziati, si è classificata al settimo posto nella graduatoria stilata dal Ministero. Ottima anche la collocazione delle stazioni di ricarica, che consentono di soddisfare sua le esigenze della popolazione sia quelle dei turisti: al porto di piazza Catena, in viale Pilati, nell’area sosta camper in località Brione, alla stazione delle corriere, al cimitero Grez e nei pressi del Palafiere alla Baltera.

“Si tratta di un progetto strutturato e complesso che tende a far sintesi di un percorso iniziato negli anni e che ha come obbiettivo la mobilità alternativa e più in generale l’attenzione e il rispetto dell’ambiente – ha spiegato l’assessore ai Traporti e mobilità Alessio Zanoni – e che andrà costantemente implementato negli anni, soprattutto sviluppando una rete estesa anche ai Comuni limitrofi, con l’impegno concreto ad incentivare sempre più l’utilizzo dell’energia elettrica nella mobilità integrata. Un progetto che ha come obbiettivo la promozione della mobilità elettrica in tutte le sue forme: bici, auto e scooter. Le postazioni di ricarica che abbiamo posizionato, infatti, sono già compatibili per ogni tipo di mezzo elettrico”.

L’amministrazione attuale e la passata negli anni hanno lavorato con convinzione e impegno costante sul tema, creando le condizioni ottimali per arrivare al bike sharing elettrico. Negli anni, infatti, è stata creata una vasta rete di piste ciclabili che collega le frazioni periferiche con il centro e la fascia lago, sono stati creati parcheggi gratuiti in prossimità delle postazioni ed il servizio di bike sharing è completamente gratuito. Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione con la società APM, che ha consentito al Comune di aderire al progetto ‘C’entro in bici’.

“É un progetto che ci permetterà di sviluppare forme di mobilità eco-compatibili – ha aggiunto l’assessore – grazie alle stazioni di ricarica integrate con pensiline fotovoltaiche per la produzione dell’energia da erogare. Abbiamo privilegiato la diffusione capillare delle stazioni di ricarica, a scapito della dotazione di bici pubbliche, per dare un ulteriore sostegno all’utilizzo della bici elettriche private, la cui diffusione negli ultimi anni ha avuto un enorme incremento; basti pensare che nell’Alto Garda quelle acquistate con il contributo provinciale dell’Agenzia per l’energia sono più di 500.

Il progetto sarà affiancato da un programma specifico di comunicazione, formazione e informazione che stiamo portando avanti con la consulenza di professionisti, sia nelle scuole sia sul territorio, per sensibilizzare la popolazione. Il progetto riveste inoltre grande importanza nell’azione di tutela della qualità dell’aria, in questa prima fase quantomeno come forma di sensibilizzazione. Negli anni passati Riva del Garda, nella stagione invernale, primeggiava in questa classifica negativa, a causa di svariati fattori, non ultimo la morfologia del territorio e i venti che spingono da sud gli inquinanti della pianura Padana. Limitare la presenza di inquinanti nell’aria è un lavoro impegnativo che richiede tempi non brevi, ma rispetto al quale siamo impegnati con decisione, e che abbiamo perseguito anche realizzando il teleriscaldamento che ha portato alla rottamazione di centinaia di vecchie caldaie; le stime ci dicono che già oggi l’energia distribuita equivale al quantitativo utilizzato da 3.500 appartamenti. A questo proposito citerei anche la sostituzione di tutti gli autobus urbani con nuovissimi ‘euro5’ a basso impatto ambientale; così, oggi la situazione è sotto controllo e i dati ci consentono di essere più che ottimisti”.