APRICA – Il Comune premia undici studenti, tutte “menti intellettuali”

0

Donne battono uomini 10-1. È l’esito della partita virtuale tra gli studenti aprichesi più meritevoli. A fronte di ben dieci ragazze, solo un maschio ha superato quest’anno i criteri per l’assegnazione del contributo in denaro stanziato dal Comune di Aprica per maturati che siano usciti con almeno 80/100 e universitari in regola con gli esami e con una media di almeno 24/30.

I premiati con il sindaco

Prima di chiamare le “menti aprichesi”, il sindaco Carla Cioccarelli si è detta orgogliosa dei risultati ottenuti da un numero così ampio di studenti e li ha esosrtati – una volta che avranno terminato gli studi – a non andarsene da Aprica, perché il paese ha bisogno di loro. E se proprio non potranno farne a meno, essi rappresenteranno ugualmente una risorsa quando, a Milano, a Roma, in Italia o nel mondo, li potremo avere come punti d’appoggio della cittadinanza e dell’amministrazione.

Il vice sindaco Bruno Corvi è apparso commosso nel vedere i “suoi ragazzi” schierati come un plotoncino d’intelletti sul palco e ha espresso la sua ammirazione per essi e per gli sforzi delle loro famiglie, ricordando come ai suoi tempi fosse ancor più difficile far studiare i figli. I cinque maturati 2012 ai quali è stata assegnata la busta contenente un assegno di 500 euro ciascuno sono Roberta Cioccarelli, Ilaria Della Moretta, Monica Ghisla, Valentina Marcelli e Giusy Moraschinelli.

Gli universitari meritevoli (1.000 euro a testa) sono invece sei: Valentina Balsarini, Chiara e Giulia Della Moretta, Marco Ghisla, Chiara e Maria Stefanini. Applauditi dalla platea quasi gremita, composta quasi totalmente da aprichesi, i giovani studenti, ma anche il protagonista del concerto augurale, il Corpo Musicale di Aprica diretto dal mestro Giampietro Passeri (presidente Sara Negri), i bambini del corso di orientamento musicale che hanno cantato “Il paese dei sette suoni” e l’ospite Coro Gambuér diretto da Elia Corvi. Ha presentato la serata lo speaker Edoardo Cioccarelli.