BEDIZZOLE – Disputa tra Tecno Sun srl e Ministero della salute

0

Alle ‘Grotte di sale’, con l’apparecchio nebulizzatore ‘Aerosal’, viene praticata l’Haloterapia a integrazione delle diverse cure contro affezioni bronco-respiratorie e della pelle. I giudici della terza sezione del Consiglio di Stato hanno respinto l’istanza cautelare del Ministero della Salute per la sospensione della sentenza del Tar Lazio che dalla scorsa estate ha legittimato l’attività di questi centri al servizio della persona.

La pronuncia dovrebbe, quindi, porre fine alla disputa tra la Tecno Sun srl di Bedizzole, produttrice dello ‘Aerosal’ e il Ministero, che in primo grado era stato condannato anche alle spese processuali. La battaglia legale sostenuta dall’azienda bedizzolese ha coinvolto oltre centro operatori del settore, di cui una trentina bresciani, che si sono costituiti in giudizio per chiedere il rigetto dell’ulteriore tentativo di fermare la loro attività.

Nell’ordinanza dei giudici di Palazzo Spada si legge che lo scorso 17 ottobre l’Istituto superiore di Sanità ha rilasciato a Tecno Sun srl il certificato di conformità CE, ovvero la marcatura che garantire la corrispondenza dell’apparecchio ‘Aerosal’ a tutte le prescrizioni imposte dall’Unione Europea in materia di sicurezza, sanità pubblica, tutela del consumatore. Dunque, ne è stato legittimato l’uso.