VALTROMPIA – Il presidente della Comunità montana fa un bilancio

0

Nell’intervista audio il presidente della Comunità montana della Valtrompia Bruno Bettinsoli traccia un bilancio di quattro anni di gestione sull’attività dell’ente, parlando anche dei prossimi temi da affrontare: la questione del depuratore e la divisione della valle in due ambiti per la distribuzione del gas metano che ha suscitato le polemiche tra gli altri sindaci.

“Nonostante abbiamo avuto 2 milioni di euro di tagli dal 2008 a oggi abbiamo cercato di mantenere tutti i servizi per i cittadini – dice Bettinsoli – ma anche sotto il profilo organizzativo e innovativo fornendo ai Comuni i servizi di cui hanno bisogno: questa era l’obiettivo del 2012″. Il presidente si sofferma anche sul bilancio di quest’anno guardando verso il futuro.

“Chiudiamo l’anno in modo positivo nonostante i tagli – continua Bettinsoli – ma la sfida sarà importante per i prossimi anni quando si parlerà del depuratore e dell’Atem sul metano. Sul depuratore di fondo valle, alla fine dell’anno, al max ai primi di gennaio, avremo i dati tecnici ed economici sulla fattibilità dell’opera”.

E a proposito della polemica scatenata dai primi cittadini sulla divisione della Valtrompia per l’Atem, l’ambito per la distribuzione dell’energia e metano, Bettinsoli rimarca come la valle abbia fatto tutto ciò che era possibile. “Chi parla di latitanza della comunità montana su questo dice falsità – commenta il presidente -perchè all’inizio del 2011 abbiamo appreso dallo Stato il disegno della nuova gestione: avremmo voluto che la Valtrompia si presentasse da sola o con almeno un’altra valle bresciana, ma così non è stato”.

E sul resto parla di patto di sistema, patto dei sindaci e le numerose convenzioni attivate dai Comuni con la Comunità montana.”Siamo riconoscenti verso i sindaci per la loro fiducia in ciò che stiamo costruendo sul territorio”conclude Bettinsoli.

ASCOLTA L’INTERVISTA AL PRESIDENTE BETTINSOLI