GARDONE – La mostra “Risorgimenti” fa tappa al Museo delle Armi

0

Prosegue la circuitazione della mostra itinerante “Risorgimenti. Un percorso storico attraverso le testimonianze negli archivi e nelle istituzioni museali locali” che, inaugurata al palazzo Avogadro di Sarezzo il 10 novembre scorso, si trasferirà dal 4 dicembre fino al 12 gennaio al Museo delle Armi e della Tradizione Armiera di Gardone.

Museo delle Armi di Gardone

Il percorso prevede l’esposizione di pannelli testuali e iconografici, che lungo la “linea del tempo” compresa tra l’origine del Risorgimento (1796-1815) e il periodo post-unitario (1860-1872), illustrerà i “Risorgimenti” della Valtrompia attraverso la riproduzione di fonti archivistiche, stampe, dipinti, fotografie e monete d’epoca per la maggior parte inediti, tra i quali il documento conservato all’Archivio storico del Comune dal quale si apprende che a Gardone avvenne uno dei pochissimi avvenimenti valtrumplini legati alla temperie risorgimentale nella notte del 2 dicembre 1849.

L’iniziativa è proposta dall’Area Cultura della Comunità montana locale e curata da Lionello Anelli, Barbara D’Attoma e Massimo Galeri, con la collaborazione di Giovanni Boccingher per la ricerca documentale e iconografica. Per l’occasione la mostra, allestita nelle sale del Museo, sarà accessibile al pubblico il martedì e mercoledì dalle 14,30 alle 18,30, giovedì e venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 14,30 alle 18,30, sabato dalle 9 alle 12 e domenica solo per gruppi su prenotazione.

La mostra è gratuita per i residenti nei Comuni della Valtrompia (compresi Ome e Botticino, esclusi Lumezzane, Concesio e Collebeato), a pagamento per i non residenti (intero 5 euro e ridotto 3 euro per i ragazzi dai 13 ai 18 anni, gratuito da 0 a 12 anni). La visita guidata è rivolta a un massimo di 25 paganti e per 60 euro. Le prenotazioni alla visita guidata sono obbligatorie solo per scuole e gruppi organizzati tramite il Cup almeno 15 giorni prima (tel. 030.8337495, fax 030.8910999 o via mail, da lunedì a venerdì dalle 9 alle 17, sabato dalle 9 alle 13). La visita guidata dura circa un’ora e mezza. Referente dell’iniziativa è il Sistema Museale della Valtrompia, Barbara D’Attoma allo 030.8337494 e via mail.