LONATO – In Comune si discute di Imu

0

Maggioranza e minoranza consiliare ai ferri corti. Pomo della discordia il regolamento per l’applicazione dell’Imu, vale a dire l’imposta sugli immobili che a dicembre bisognerà saldare.

Il centrosinistra, sui banchi dell’opposizione, critica l’amministrazione comunale per “il silenzio sceso su un argomento di così ampia portata e soprattutto su eventuali correttivi che andrebbero a mitigare l’imposta”. La forza di minoranza consiliare ha sottolineato che non vi è stato seguito alla bozza votata mesi fa, “che prevedeva per tutti i cittadini l’aumento dell’1 per mille sulle aliquote base per la prima casa e per tutte le altre tipologie di immobili”.

L’amministrazione comunale ha deciso di applicare l’aliquota del 5 per mille sulla prima casa, con detrazioni di 200 euro, e del 2 per mille per i fabbricati agricoli e all’8,6 per mille su tutti gli altri immobili. Puntuale la replica dell’assessore al Bilancio, Roberto Tardani, che ha ricordato che a breve verrò convocata la Commissione Bilancio, allargata alla consulta dei cittadini, per elaborare il regolamento dell’Imu, di guisa che entro la fine di novembre la materia passerà al vaglio dell’Aula. L’amministrazione comunale ha poi confermato i numeri delle aliquote relative alla prima stesura. “Diversamente – ha spiegato Tardani – non si poteva fare”, giacché le casse comunali di Lonato del Garda non dispongono di particolare liquidità.