LUMEZZANE – Lucilla Giagnoni all’Odeon contro la violenza sulle donne

0

Nell’ambito delle iniziative volte a celebrare la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’assessorato alle Pari opportunità del Comune di Lumezzane promuove per lunedì 26 novembre alle ore 20,30, al teatro Odeon, lo spettacolo gratuito “Il racconto di Chimera”.

“Tutti sappiamo che quando prevale la violenza, le prime persone a scontarla sono le donne e i bambini e compito del nostro tempo, e di noi donne, a maggior ragione, è di non tollerare che ciò avvenga, lavorando senza tregua perché ignoranza, paura, fanatismo non trovino terreno fertile, mai”. Sono parole di Lucilla Giagnoni, attrice e narratrice italiana fra le più brave e amate. Con la sua interpretazione trasporta in tempi lontani, in anni a cavallo tra il 1600 e il “glorioso” avvento della Santa Inquisizione, raccontando la vicenda di Antonia: una donna che, cercando di fuggire dall’inferno, ci è finita dentro.

Dal mistero e dalla nebbia dell’oblio riemerge così la vicenda della strega di Zardino, villaggio fantasma sulle rive del fiume Sesia, cancellato forse da un’alluvione, dalla peste, da un incendio o chissà… Una grande storia, d’una ragazza che subì a Novara un processo e una condanna, “correndo l’anno del Signore 1610”, del vescovo Bascapè, del boia Bernardo Sasso, dei bambini abbandonati e umiliati nelle case di carità, dei risaroli schiavi e dei camminanti ribelli, sullo sfondo di un paesaggio storico dominato e oppresso dalla Controriforma e dall’Inquisizione.

La serata si aprirà con i saluti dell’autorità e un’introduzione della dott.ssa Chiara Cominacini in Bulgarini, psicoterapeuta di Brescia. “La Cominacini, che ci accompagna da tempo nelle iniziative promosse dall’assessorato alle Pari opportunità, mette a disposizione professionalità ed esperienza col preciso obiettivo di lavorare insieme contro la violenza – sottolinea l’assessore Rosanna Saleri. – Anche questa serata vuole essere quindi un momento di riflessione per dire basta a un male della società che sta assumendo preoccupanti contorni d’urgenza sociale.

Vogliamo contribuire alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica perché è necessario parlare di tutti i tipi di violenza che subiscono le donne: violenza fisica, psicologica, sessuale, stalking, violenze e soprusi subiti all’interno delle mura domestiche, che si ripetono e assumono nel tempo forme di gravità sempre maggiori. Quindi invito tutta la cittadinanza a partecipare – continua la Saleri – e spero in una presenza numerosa sia da parte del mondo femminile che di quello maschile”.

PROGRAMMA DELLA SERATA