BRESCIA – Nuove storie di giovani innovatori per gli studenti

0

Testimonianze di imprenditori che con il loro lavoro continuano a garantire il successo delle aziende, per dare ai giovani un messaggio di fiducia e la certezza che un’alternativa al declino è possibile. E’ questo l’intento dell’iniziativa promossa dal Gruppo Giovani Imprenditori di Aib e dal Centro Studi di Economia monetaria e bancaria dell’Università di Brescia.

L’incontro “Reagire – Storie di giovani innovatori che insegnano a battere il declino” è in programma domani, mercoledì 21 novembre alle ore 16, nell’aula magna della facoltà di Economia di via Santa Chiara. “Un’iniziativa che nasce dalla volontà comune dei Giovani Aib e dell’Università di Brescia di comunicare la storia e l’esperienza di quattro giovani imprenditori che affrontano con successo il difficile momento economico attuale, grazie a talento, volontà e rispetto delle regole” ha sottolineato il presidente dei Giovani Imprenditori Federico Ghidini, mentre il professor Franco Spinelli, direttore del Centro Studi dell’ateneo cittadino ha posto l’accento sul fatto che “agli studenti servono buoni docenti, ma anche buoni testimoni in grado di dare fiducia per il futuro, soprattutto oggi, nel mezzo di una crisi che ha fatto esplodere l’incertezza. I primi quattro imprenditori selezionati sul territorio bresciano sono attivi in settori molto diversi, alcuni considerati maturi, altri nuovi e in fase di espansione. Tutti però dimostreranno che far bene è ancora possibile”.

L’incontro di domani pomeriggio si aprirà con i saluti del professor Franco Spinelli e del presidente Federico Ghidini. A seguire interverranno Jacopo Rocca (presidente Cinzia Rocca), Gianpietro Rizzini (Sanispira), Paolo Bertuzzi (Turboden), Roberto Ziche (Ziche Il marmo) per portare le loro testimonianze d’impresa. Al termine, Daniele Franco, direttore centrale dell’area Ricerca economica e Relazioni internazionali della Banca d’Italia a Roma, rifletterà sulle testimonianze portate dagli imprenditori bresciani, ponendo in evidenza gli insegnamenti che da queste possono trarre i giovani.