PESCHIERA – Tangenziale: concluderla in tempi brevi è una priorità

0

I lavori devono concludersi in tempi rapidi e a breve la tangenziale di Peschiera deve essere aperta al traffico e collegata con le due provinciali verso Brescia e Mantova. Se lo augurano di certo gli abitanti delle località Dolci a Frassino, costretti ora a percorrere raccordi laterali con disagi non di poco conto. E lo chiederanno a gran voce il sindaco Umberto Chincarini e l’assessore alla viabilità, Paolo Melotti, a Veneto Strade nell’incontro fissato a Mestre con i vertici della società mercoledì 31 ottobre.

“Abbiamo bisogno di conoscere le tempistiche per tutte e due le opere, entrambe indispensabili per non creare problemi all’intero territorio di Peschiera – ha spiegato Chincarini confermando la volontà dell’amministrazione di contribuire economicamente alla realizzazione del tratto – perché si tratta, insisto, di un intervento che darà sollievo a tutto il paese. E visto che il problema del reperimento risorse pare essere il fattore frenante, oltre alla nostra disponibilità proporrò a Veneto Strade di dare in concessione questo tratto di strada alla Padova-Brescia con l’istituzione di un telepass che faccia pagare una cifra simbolica ai camion diretti nella zona artigianale e pullman che vanno verso il santuario del Frassino: attraverso la bretella potranno raggiungere queste aree con un tragitto molto breve e quindi penso non avranno problemi a pagare un pedaggio, ripeto simbolico, piuttosto che fare molta più strada e in mezzo al paese”. Il sindaco parla di questi progetti come di “alcune delle urgenze del complesso quadro della viabilità del basso lago”.

“La viabilità di quest’area – ha spiegato Chincarini – è già un problema perché, appunto, la nostra tangenziale procede con tempi lentissimi e attende interventi che allo stato attuale non sappiamo nemmeno quando inizieranno: dal casello autostradale di Castelnuovo, con tutti i raccordi, alla direttrice con la prevista Tibre, la Tirreno-Brennero, al completamento dello svincolo di via Derna, sempre in territorio castelnuovese. A questo quadro già problematico si aggiungono le emergenze in autostrada che, quando si verificano, portano tutto il traffico della Padova-Brescia sulle nostre strade col risultato di paralizzare la viabilità ordinaria in qualunque direzione. A Desenzano ci siamo ritrovati per vedere quali soluzioni sono possibili a questa emergenza che è reale: si è trattato di una sorta di pre-riunione che è servita alle Autostrade per raccogliere tutte le informazioni sulle criticità che noi registriamo sul territorio. Ora, sulla base degli elementi acquisiti, i tecnici della Padova-Brescia elaboreranno una proposta operativa che, appena pronta, sarà discussa nell’incontro che i due prefetti di Verona e Brescia dovranno pur decidere di convocare.

L’obiettivo – ha concluso Chincarini – è quello di fare in modo che tutti gli utenti sappiano dove dirigersi e le forze dell’ordine come muoversi”.