MILANO – InfoComuni: Piani Territoriali degli Orari dalla Regione

0

Per favorire la predisposizione e l’attuazione dei Piani Territoriali degli Orari (PTO), la Regione Lombardia ha approvato il IV bando che ha l’obiettivo di consolidare e stabilizzare le politiche temporali fino ad oggi sperimentate dai Comuni, attraverso lo sviluppo di sinergie con le altre politiche comunali e territoriali. Il bando prevede due fasi, al fine di selezionare le proposte sostenibili e realizzabili in tempi certi:

– una fase esplorativa, per rilevare istanze e progettualità, con l’invito ai Comuni a presentare manifestazioni di interesse entro il 14 dicembre;
– una successiva fase, riservata alle proposte selezionate (che si attuerà attraverso un apposito avviso), in cui saranno sviluppati gli interventi e le azioni da ammettere al finanziamento.

Destinatari

Il provvedimento è destinato ai Comuni che hanno:

– un Piano Territoriale degli Orari (PTO) in vigore o che intendano predisporlo, anche in forma associata (artt. 23 e 24 della LR n. 53/2000; art. 5 della LR 28/2004);
– attribuito la competenza in materia di tempi e orari;
– istituito l’ufficio tempi (anche in forma associata nel caso la popolazione non sia superiore a 30 mila abitanti).

Proposte progettuali ammissibili

Sono ammissibili i progetti finalizzati a:

– attuazione di un PTO: le azioni devono avere l’obiettivo di attuare e strutturare politiche, interventi e servizi già previsti dal PTO precedentemente approvato dal Consiglio comunale;
– predisposizione di un PTO: le azioni devono avere l’obiettivo di definire e sperimentare politiche, strategie e interventi per il coordinamento e l’amministrazione dei tempi e degli orari sul territorio di riferimento.

Le priorità regionali individuate per il IV Bando (art. 6 della LR n. 28/2004), hanno l’obiettivo di:

– favorire la mobilità sostenibile verso il sistema dei servizi sociosanitari, gli istituti scolastici e i luoghi di lavoro;
– migliorare l’accessibilità dei servizi pubblici e privati (ad es. Giornata del cittadino, decentramento dei servizi e degli sportelli, sportelli polifunzionali), anche con la messa in rete di servizi del sistema allargato della PA e con le sperimentazioni finalizzate alla semplificazione delle procedure e dei processi di accesso ai servizi, anche con l’utilizzo della Carta Regionale dei Servizi.

Risorse disponibili

L’importo complessivamente stanziato è pari a 800 mila euro. Il contributo massimo per progetto è pari a 50 mila euro e non potrà essere superiore all’80% del valore del progetto. I Comuni proponenti dovranno cofinanziare il progetto per un minimo del 20%, anche sotto forma di valorizzazione del lavoro del personale coinvolto nelle azioni progettuali.

Presentazione delle domande

Le proposte progettuali dovranno essere consegnate a mano agli sportelli del Protocollo Centrale della Regione Lombardia in via Restelli 2 a Milano o presso i Protocolli Federati delle Sedi Territoriali presenti in tutte le province lombarde e a Legnano (orario: da lunedì a giovedì 9-12; 14,30-16,30; venerdì 9-12) entro le ore 12 di venerdì 14 dicembre e dovranno essere indirizzate a: Regione Lombardia – Presidenza UO Relazioni Esterne Piazza Città di Lombardia, 1 – 20124 Milano.

Sulla busta è necessario indicare “IV bando ex art 6, LR 28/2004 – Manifestazione d’interesse”. Le domande possono essere inviate anche tramite posta elettronica certificata alla casella PEC, previa sottoscrizione da parte del legale rappresentante, mediante l’apposizione della firma elettronica (presente sulla CRS) oppure mediante firma digitale, rilasciata da uno degli organismi certificatori riconosciuti. La modulistica da utilizzare (per Manifestazione d’interesse e Scheda Progetto) è scaricabile dai siti internet. Tutti i Comuni interessati a partecipare al IV bando sono invitati alla giornata informativa che si terrà giovedì 15 novembre, dalle 10 alle 13,30, al Grattacielo Pirelli di via Fabio Filzi. La prenotazione è obbligatoria e deve essere inoltrata via mail.

Fonte: Presidenza – Direzione Centrale REIC – UO Relazioni Esterne