BRENO – Furti in cantieri, case e auto. Sette albanesi in manette

0

Negli ultimi periodi, in alta Valcamonica, si sono svolti diversi furti nei cantieri edili. In particolare, sono accaduti a Ponte di Legno e Temù, nonchè all’interno di baite e a bordo di veicoli. I carabinieri della stazione di Ponte di Legno, dopo lunghe indagini hanno individuato ben sette personaggi, tutti di origine straniera, abitanti della zona, ritenuti autori dei furti.

Gli stessi, già operai in ditte impegnate nel settore dell’edilizia, oppure artigiani, conoscevano bene il territorio e non rinunciavano ad asportare qualcosa dal cantiere del vicino. Non solo. Spesso hanno anche agito introducendosi in magazzini di materiali, garages e locali simili, soprattutto nelle baite isolate.

Ma quanto accertato dai militari di Ponte di Legno, che hanno ricevuto numerose denunce di furto in tal senso, non ci sono dubbi sulla responsabilità delle sette persone, tutte di origine albanese, da anni regolari sul territorio e incensurati. Nella mattinata di lunedì 5 novembre, inoltre, dopo le indagini, sono state eseguite anche le perquisizioni nelle loro case attraverso le quali sono state acquisite conferme.

Infatti, le operazioni condotte con gran parte dei militari appartenenti alla compagnia di Breno,  hanno permesso di rinvenire e sequestrare vario materiale attinente a utensili di cantiere (saldatrici, trapani, demolitori, seghe circolari, ecc…) oggetti asportati a bordo di auto (macchine fotografiche, navigatori satellitari, ecc…) e presso alcune baite (bicicletta, chitarra, utensili vari), il tutto  per un valore stimato intorno ai 15 mila euro.

Per alcuni oggetti rinvenuti sono stati già individuati i relativi proprietari che a suo tempo denunciarono l’ammanco e per gli altri sono in corso i relativi accertamenti. Le persone che hanno subito furti nella zona sono state invitate a rivolgersi ai carabinieri di ponte di legno per recuperare il loro materiale trafugato.