SALÒ – ‘GattArte’, tra quadri e ceramiche benefiche

0

Gatti artistici, gatti decorati e gatti perfino utili, per un totale di 500 pezzi d’arte provenienti dalla collezione de ‘I Gatti di Villa Bella’, collezione che il dottor Giovanni Botti, chirurgo estetico, ha raccolto in tanti anni di ricerca e ora a donato alla città di Salò.

Il Comune “potrà disporne liberamente – si legge nella lettera di donazione – per gli scopi culturali, sociali, turistici e didattici, oltre che di prevenzione del randagismo gattile o per promuovere raccolte, aiutare associazioni libere o riconosciute che si occupino della sterilizzazione, cura e manutenzione dei gatti randagi”.

Si tratta di vere e proprie opere d’arte, alcune di indiscutibile valore, che contribuiranno dunque alla sterilizzazione e alla cura dei randagi di Salò. Le opere sono già in mostra negli spazi dell’ex bar Florian, presso la Torre dell’orologio, mostra che fino al 27 gennaio rimarrà aperta tutti i pomeriggi di venerdì, sabato e domenica.

L’esposizione, il cui titolo, originale e curioso, è ‘GattArte, 500+1 oggetti felini’, è organizzata dal Comune in collaborazione con l’associazione ‘Telefono difesa animali’ e con la complicità delle ‘gattare’ di Salò. A fronte dell’offerta di 1 euro per l’ingresso ogni visitatore riceverà un gadget omaggio. L’incasso sarà poi devoluto a ‘Telefono difesa animali’.

Lo scopo dell’iniziativa, dunque, è quello di sensibilizzare i visitatori, nel pieno rispetto della  volontà del donatore delle opere d’arte, sul tema del randagismo gattile e di sostenere il Comune nell’opera di sterilizzazione delle colonie feline salodiane, opera legata ad una convenzione con la clinica veterinaria S. Antonio gestita dal dott. Emilio Smadelli che ha vinto la gara indetta dall’Assessorato ai Servizi Sociali.

Da precisare poi il fatto che , grazie all’opera dei volontari, al sostegno di alcuni sponsor, e a Publiradio srl, l’allestimento non è costato nulla al comune.