BRESCIA – 36 mesi e lavoro a tempo determinato

0

Con riferimento al rapporto di lavoro a tempo determinato, il limite massimo della durata di 36 mesi per lo svolgimento di mansioni equivalenti con lo stesso datore, nel quale sono computati anche i periodi di missione mediante somministrazione a termine, non rappresenta un ostacolo al ricorso a quest’ultima fattispecie contrattuale.

Infatti, il Ministero del Lavoro, con l’interpello n. 32 del 19 ottobre scorso, a conferma di quanto già chiarito dalla circolare n. 18/12, precisa che, una volta esaurito il suddetto periodo di 36 mesi, il datore di lavoro può ricorrere alla somministrazione a tempo determinato con lo stesso lavoratore, fermi restando i limiti stabiliti dalla contrattazione collettiva.