BRESCIA – I disegni di Roehr tratti dalla Divina Commedia

0

Sarà inaugurata domani pomeriggio, mercoledì 31 ottobre alle ore 18, nella cornice di San Zenone all’Arco a Brescia, la mostra di disegni dell’artista Anselm Roehr basati sul ciclo “Dante Alighieri – tra la perduta gente”. L’intero ciclo dantesco di Roehr, composto da 86 tavole a china che illustrano altrettanti passi tratti dalle tre cantiche della Divina Commedia, venne presentato nel 2008 al Museo Diocesano in occasione della prima esposizione a Brescia dell’artista, nato a Francoforte e a lungo residente tra Monaco e Gardone Riviera.

Ora la ripresa delle quaranta tavole dell’Inferno inaugura un progetto, condiviso dall’Associazione per l’Arte Le Stelle e U.C.A.I., di ripresa del grande poema attraverso una serie di mostre a tema che consentiranno di indicare alcune possibilità di interpretazione dei testi attraverso il linguaggio figurativo contemporaneo. Tutta l’arte di Roehr, infatti, muove dal testo e diventa un modo per commentarlo visivamente, entrando in rapporto con esso fino a cercare le più nascoste risonanze che investono insieme la parola scritta, l’esperienza esistenziale e quella artistica. Roehr parte dal testo scegliendo prima di tutto la fonte, l’opera e poi trovando i passi da illustrare.

La scelta delle fonti, dalla Commedia dantesca alla Bibbia o alla Morte di Virgilio di Hermann Broch, è guidata dal personale stato esistenziale, al punto che il percorso creativo viene a coincidere con quello artistico culminando in un’intensa riflessione sulla condizione umana. L’elemento figurativo è creato solo per cenni fino a raggiungere un’eccezionale concisione. Testo e immagine costituiscono un dittico inscindibile simile all’intreccio di essenze diverse che tuttavia danno origine a qualcosa di più comprensibile o meglio di più intelligibile.

Senza dubbio la densità dei testi scelti dall’artista per intessere il suo dialogo è il motivo della straordinaria concentrazione segnica che ne deriva: come se il segno, appunto, fosse costretto a diventare denso come le parole scritte. Basterebbe guardare il processo di progressivo alleggerimento che le sue chine subiscono dall’Inferno al Paradiso della Commedia dantesca: così nell’Inferno in particolare è l’impeto a dominare anche nel segno e accompagna bene non tanto la fantasia della descrizione quanto la pesantezza del lessico.

Tutta l’opera di Roehr non ha come intenzione quella di trattare un tema in senso astratto o di illustrare un episodio: la lettura profonda del testo e lo strettissimo rapporto tra scritto e immagine è una voluta scelta di campo che punta verso l’approfondimento di quel momento, di quel tema, di quella esatta porzione di problema. La mostra, a ingresso libero, rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 18 novembre dalle ore 16 alle 19, da mercoledì a domenica. L’ultima sera prima della chiusura, sabato 17 novembre, alle 20 è prevista una serata dantesca.