RIVA DEL GARDA – Stop al progetto di ampliamento della piscina comunale

0

Nel piano delle opere pubbliche, che costituisce parte integrante del bilancio preventivo, sotto la voce ‘elenco aggiuntivo’ figura da tempo il progetto di ampliamento della piscina comunale ‘Enrico Meroni’, che, con una trentina di anni di vita, si configura come la più vecchia in assoluto del Trentino e l’unica ad offrire un servizio pubblico a tutto l’Alto Garda. L’ampliamento, tuttavia, non troverà spazio nel breve-medio termine, sebbene si tratti di un’opera necessaria e di estrema urgenza.

Dai dati sull’esercizio 2011/2012 forniti dalla Federazione Italiana Nuoto, infatti, si evince che quest’anno c’è stata una fortissima contrazione dell’utenza libera, che ha registrato 2891 accessi in meno rispetto allo scorso anno. Il deficit di accessi, tuttavia, è stato ampiamente compensato dall’utenza che svolge attività coordinate e sportive, con un più 3573 unità. Gli accessi complessivi, dunque, crescono, ma solo il 30% di essi interessa l’utenza libera.

Tale calo ha fatto sì che la giunta comunale si trovasse costretta ad incrementare le tariffe: l’ingresso ordinario è passato da 4,60 a 4,80 euro, mentre quello ridotto da 3,70 a 3,90 euro; l’abbonamento famiglia, con 24 ingressi stagionali, è aumentato di 2,60 euro, mentre più contenuti sono stati gli incrementi per l’utenza sportiva, che rappresenta “una fascia debole che va tutelata, un servizio per tutta la collettività, tenendo presente – ha sottolineato l’assessore Zanoni – che la nostra è comunque la tariffa in assoluto più bassa del Trentino”.