BRESCIA – Bonus ai datori di lavoro per assunzioni di giovani e donne

0

Il .5 ottobre è stato firmato un decreto interministeriale Lavoro/Economia con cui è stato stanziato un fondo di circa 232 milioni di euro per favorire le assunzioni di giovani (fino a 29 anni di età) e di donne indipendentemente dall’età anagrafica.

L’incentivo per i datori di lavoro privati ha carattere straordinario: ad essere premiate saranno le stabilizzazioni e/o le assunzioni a tempo determinato della durata di almeno 12 mesi effettuate dalla data di entrata in vigore del Decreto ministeriale di regolamentazione – di prossima emanazione – e fino al 31 marzo 2013.

In particolare è riconosciuto un importo pari a 12.000,00 euro in caso di:
– trasformazione a tempo indeterminato di un contratto a tempo determinato
– stabilizzazione di rapporti di lavoro di collaborazioni coordinate e continuative anche a progetto o delle associazioni in partecipazione con apporto di lavoro. Tali stabilizzazioni dovranno riferirsi a contratti di lavoro in essere o cessati da non più di sei mesi (dall’entrata in vigore del Decreto ministeriale che regolamenterà la materia) e da realizzarsi mediante la stipula di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato anche a tempo parziale (purché di durata non inferiore alla metà dell’orario previsto dal Ceni per i lavoratori full time).

Inoltre nel caso si stipulino contratti a tempo determinato, a incremento della base occupazionale degli ultimi 12 mesi, sono previsti i seguenti benefici in relazione alla durata del rapporto di lavoro:
– 3.000,00 euro per i contratti di durata di almeno 12 mesi
– 4.000,00 euro per i contratti che superano i 18 mesi
– 6.000,00 euro per i contratti che superano i 24 mesi

Ogni datore di lavoro potrà ricevere benefici al massimo per 10 lavoratori trasformati a tempo indeterminato o stabilizzati e per 10 lavoratori assunti a tempo determinato con i requisiti suddetti.

Tutti gli incentivi previsti saranno corrisposti dall’Inps a cui i datori di lavoro interessati dovranno inoltrare richiesta telematica sulla scorta delle indicazioni che saranno fornite dall’Istituto. Le risorse a disposizione sono limitate (pari a circa 232 milioni di euro) e quindi gli incentivi saranno corrisposti in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande da parte dei datori di lavoro.

Per la pratica attuazione delle misure si attendono nei prossimi giorni le istruzioni dell’Inps – per definire per esempio le modalità telematiche di presentazione delle richieste dei benefici dopo aver eseguito una delle assunzioni con i requisiti suddetti – che, tuttavia, non potranno intervenire prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del provvedimento ministeriale.