DESENZANO – Cadavere nel lago: è morta annegata la donna di Chiari

0

La causa della morte della 48enne di Chiari, rinvenuta cadavere la scorsa domenica nelle acque desenzanesi, dovrebbe essere annegamento.

Nei giorni scorsi, infatti, è stata eseguita alla camera mortuaria del cimitero l’autopsia, disposta dal magistrato che si sta occupando del caso, Federico Bisceglia. Per avere notizie ufficiali si dovrà attendere ancora qualche giorno, tuttavia indiscrezioni parlano di una morte per annegamento. Per avere maggiori certezze si dovrà aspettare gli esiti degli esami tossicologici, uno strumento prezioso per capire cosa possa essere successo alla donna.

Si stima, inoltre, che il cadavere, alla luce delle condizioni in cui è stato rinvenuto, sia rimasto nelle acque lacustri per circa una decina di giorni. I Carabinieri della Compagnia e della stazione di Desenzano, dal loro canto, stanno cercando di ricostruire gli ultimi spostamenti della donna che, dopo essersi separata dal marito, aveva lasciato Chiari per trasferirsi sul Garda. La procura conferisce grande importanza al contributo di una commessa di Desenzano del Garda, che una decina di giorni fa aveva avuto modo di conoscere la donna, di parlare con lei, di raccogliere le sue confidenze e di scambiarsi i numeri di telefono cellulare.

Resta ancora da scoprire quale sia stata la fine che hanno fatto gli effetti personali che la donna aveva con sé, come la borsetta o il trolley con cui era stata vista camminare per le strade della cittadella gardesana.