CHIARI – Trovato con cocaina e una bomba a mano, arrestato un giovane albanese

1

Ieri sera, sabato 20 ottobre, un equipaggio della Stazione di Chiari ha notato uno straniero che si aggirava per il paese in modo sospetto. I militari hanno così deciso di controllarlo e dopo averlo perquisito lo hanno trovato in possesso di tre dosi di di cocaina (nascosta nei pantaloni), per un totale di 2 grammi e una bomba a mano, tipo “ananas” (nascosta nel giubbino).

L’ordigno è una bomba a mano modello M75 di fabbricazione ex Jugoslava, perfettamente efficiente. Sono in corso le indagini del caso per stabilire da dove provenise l’ordigno, oltre a verificare la veridicità delle giustificazioni che l’’interessato ha dato sul possesso della droga.

L’arrestato è un 23enne di origini albanesi, carpentiere di professione, che ha detto di essere entrato in possesso della bomba per fare pressione sul suo ex datore di lavoro, responsabile, a suo dire, dello stato di dissesto finanziario in cui versa e per convincerlo ad estinguere i crediti lavorativi che chiede.

Sul posto sono intervenuti anche gli artificieri del Reparto Operativo dei Carabinieri di Brescia per la messa in sicurezza della bomba. L’arrestato è stato condotto in carcere e dovrà rispondere, oltre che della detenzione dello stupefacente, anche del porto illegale di esplosivo.