DESENZANO – Opere pubbliche: la Giunta annuncia i lavori del 2013

0

Rivelati i lavori in programma per il 2013 e le strategie future che l’amministrazione desenzanese intende adottare, con un’ingente mole di interventi che verranno avviati nei prossimi mesi sul patrimonio cittadino.

I primi lavori che prenderanno avvio all’inizio del 2013 riguardano opere già approvate nel precedente Piano annuale, come la posa di fognature con la ripavimentazione in porfido dei vicoli Signori, Oratorio e di via Annunciata, l’ampliamento della scuola media ‘Catullo’ con sei nuove aule, l’intervento sui collettori delle acque bianche in via Pratomaggiore e nella zona di via Mantova, mentre saranno collegate le acque nere della località Calvata.

Oggi, venerdì 19 ottobre, il Consiglio comunale discuterà poi una variazione del piano 2012 firmato dall’amministrazione Anelli, variazione che si rende necessaria alla luce dell’attuale situazione di cassa. Con la crisi del settore immobiliare, infatti, dei 2,500mila euro previsti in entrata da oneri di urbanizzazione nelle casse comunali sono giunti sol0 1,800mila euro. Mancano all’appello anche i 340mila euro preventivati per le alienazioni.

Alla luce di tale situazione economica, l’amministrazione in carica guidata da Rosa Leso ha deciso di privilegiare le opere primarie, come gli interventi nelle scuole, quelli sull’acquedotto e quelli sulle fognature, mentre ha deciso di tralasciare interventi di dubbio utilità, come quello relativo al marciapiede della passeggiata dalle cantine Visconti al Vò.

“Si tratta – ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici e Patrimonio Rodolfo Bertoni, – di un Piano di transizione, in cui si cominciano ad intravedere alcune scelte dell’amministrazione. Penso al miglioramento della viabilità e ai percorsi ciclo pedonali, tutti con riflessi positivi sul comparto turistico. Ma solo nel prossimo Piano potranno comparire gli interventi previsti nelle linee programmatiche; ecco perché il triennale riveste valore indicativo. Del resto, settori primari come acquedotto e fognature erano stati trascurati e si rischiava, nella prossima estate, una vera e propria emergenza”.

Il Piano annuale delle Opere pubbliche 2013, che prevede 2,835mila euro di spesa, e quello triennale 2013-2013, con 9,665mila euro di spesa, verranno finanziati in parte con oneri di urbanizzazione, sebbene sia previsto un loro calo per la crisi del settore edilizio, e in parte con alienazioni. Non è prevista l’accensione si nuovi mutui, ma semplicemente la rinegoziazione di quelli già contratti. Alcuni lavori non menzionati nel Piano saranno poi finanziati coi risparmi dei vari ribassi all’asta: tali risparmi verranno utilizzato per interventi attesi da tempo, come il rifacimento dei marciapiedi di via Colombare di Castiglione, la copertura del fosso di via Masaccio con creazione di posti auto a servizio dei pendolari, l’asfaltatura del primo parcheggio di via Vighenzi e l’illuminazione del secondo, la riqualificazione di via Bardolino. Il parcheggio del Vallone verrà poi ampliato con una sessantina di nuovi posti auto.

Opere significative previste nel Piano riguardano la messa a norma dell’ala vecchia della scuola elementare ‘Don Mazzolari’ di Rivoltella, per una spesa di 600mila euro, i lavori nell’area della Maratona, per una spesa di 300mila euro, con una nuova rotatoria d’ingresso, la riqualificazione degli spazi verdi e dei giochi e la realizzazione di una pavimentazione pregiata di vicolo Alberti. Verrà completamente rifatta anche la pavimentazione di via S. Angela Merici, nel tratto più danneggiato dal passaggio dei mezzi pesanti, per una spesa di 150mila euro. La stessa cifra verrà poi destinata alla realizzazione di piste ciclabili di collegamento con le periferie e nel Parco del Monte Corno verrà finalmente realizzato un percorso pedonale.

Numerosi sono anche gli interventi previsti nel Piano triennale, che, per il 2014, ha in programma la realizzazione di importanti opere, come le rotatorie sulla Minitagenziale, l’illuminazione di via del Pilandro a San Martino, la separazione delle fognature in via Curiel e via Rambotti e, per il 2015, la pista ciclopedonale su viale Dal Molin, l’allargamento della strada Taverna – San Pietro e la seconda via d’accesso all’Ospedale.

“Questo complesso di opere pubbliche – ha dichiarato il primo cittadino di Desenzano del Garda, il sindaco Rosa Leso – mette la prima pietra alla nostra idea di città, dove i bisogni dei residenti non si scontrano con quelli dei turisti, le esigenze dei cittadini non sono contrapposte a quelle delle imprese. A nome dell’intera Giunta esprimo soddisfazione per l’equilibrio raggiunto per fare di Desenzano una città sempre più accogliente”.