Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società

0

La crisi si aggrava e il suo peso incide pesantemente sui conti economici di famiglie e imprese. I dati Istat pubblicati rendono perfettamente la situazione in cui si trovano i nuclei famigliari, alla faccia di chi insiste nel sostenere che la via d’uscita è chiarissima in fondo al tunnel. Mi piacerebbe sapere quale istituto di ricerca consultano quei signori: forse i dati di Topo Gigio

In realtà Istat indica che: “Nel secondo trimestre del 2012 la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici, misurata al netto della stagionalità, è stata pari all’8,1%, con una diminuzione di 0,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,5 punti percentuali rispetto al corrisponde trimestre del 2011.

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è diminuito dell’1% rispetto al trimestre precedente, e dell’1,5% rispetto al corrispondente periodo del 2011.

Tenuto conto dell’inflazione, il potere di acquisto delle famiglie consumatrici nel secondo trimestre del 2012 si è ridotto dell’1,6% rispetto al trimestre precedente e del 4,1% rispetto al secondo trimestre del 2011. Nei primi sei mesi del 2012, nei confronti dello stesso periodo del 2011, il potere d’acquisto ha registrato una flessione del 3,5%.

Il tasso di investimento delle famiglie è stato pari all’6,8%, risultando invariato rispetto al trimestre precedente e in diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al secondo trimestre del 2011.

La quota di profitto delle società non finanziarie è scesa al 38,5%, con una riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 2,1 punti rispetto al corrispondente trimestre del 2011.

Il tasso di investimento delle società non finanziarie, pari al 21%, è risultato inferiore di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 1,3 punti percentuali rispetto al corrispondente trimestre del 2011.”

I numeri vanno trattati con rispetto, altrimenti sanno come fare a vendicarsi. Questo, molti politici di “facili costumi… economici” faticano a ricordarlo. Ci penseranno gli elettori nel segreto dell’urna.

Almeno spero.