CAPO DI PONTE – Due fratelli piantano cannabis in casa: in manette

0

Sabato pomeriggio 6 ottobre i Carabinieri della stazione di Capo di Ponte hanno arrestato due fratelli del luogo: L. T. di 32 anni, coniugato, operaio in cassa integrazione, e G. L. T. di 36 anni, celibe, operaio, entrambi senza precedenti penali. I due avevano creato una piantagione di cannabis indica in località Gambarere su una fascia di terreno demaniale a margine del torrente “Re”.

Nel pomeriggio i due fratelli si sono recati nella piantagione e dopo aver iniziato a tagliare i rami delle piante sono stati bloccati dai Carabinieri che da tempo avevano individuato la particolare coltivazione e quindi tenevano sotto controllo la zona. Sul posto i militari operanti provvedevano a ripulire l’area interessata dalla quale estirpavano dodici piante di cannabis indica, alte circa 4 metri.

Da esse venivano poi ricavate 21 chili di foglie e fiori. Successivamente, dalla perquisizione eseguita nell’abitazione dei medesimi, venivano rinvenuti ulteriori cinque chili di fiori e foglie in fase di essiccazione su uno stendino per il bucato, nonché vari vasetti di vetro o plastica contenenti complessivamente circa 600 grammi di marijuana già pronta per essere esitata.

In casa veniva anche trovata una bilancia di precisione. I due fratelli venivano trattenuti momentaneamente presso la Stazione dei Carabinieri di Capo di Ponte e poi associati alla casa circondariale di Brescia come disposto dal Pubblico Ministero.