BRESCIA – L’orsetto Ted al cinema, mix di buoni sentimenti e risate

0

Per una volta il desiderio espresso da un bambino diviene realtà. Il suo orso di peluche, regalatogli dai genitori per Natale, prende vita il giorno seguente, diventando il suo migliore amico. Ecco l’inizio dell’esilarante film nato dalla mente del creatore dei “Griffin”.

Il bambino, di nome John, e il suo orso Ted, sono cresciuti, diventando adulti, e nel corso degli anni la loro amicizia non è mai diminuita, anzi si è rafforzata sempre più, anche dopo che Ted ha avuto un momento di grande celebrità. John vive da quattro anni con la fidanzata Lori e ovviamente con Ted, il quale non è più l’orsetto tenero e dolce di un tempo. E’ un accanito fumatore di erba, utilizza un linguaggio a dir poco colorito e non disdegna la compagnia di prostitute. Malgrado tutto questo John lo considera il suo migliore amico e non riesce a staccarsi da lui. I due insieme combinano un sacco di guai, si comportano ancora come due bambini, bighellonando per casa e saltando il lavoro.

Tutto questo fino a quando Lori non chiede a John di mandare via di casa Ted, per il bene del loro rapporto. John a malincuore acconsente alla richiesta e aiuta l’amico a trovare un impiego e un appartamento. Ma l’amicizia che li lega è troppo forte e John combina l’ennesimo pasticcio con la collaborazione dell’orsetto strampalato. Le conseguenze saranno molto dure, ma faranno crescere entrambi gli amici, che si troveranno anche alle prese con un sequestratore, ossessionato da Ted.

Il film assolve al compito a cui è chiamato, cioè far ridere gli spettatori. Vedere un orso di peluche adulto, che si comporta come un adolescente idiota è un’idea che non fallisce. Il tutto scivola via abbastanza veloce e senza intoppi, anche nella seconda metà della pellicola, quando la storia prende una piega più seria. Infatti anche se Ted è un personaggio poco affidabile, dimostra, oltre che una certa maturità, tutto il bene che prova per John, sacrificando quasi tutti per la sua felicità.

Una commedia dai buoni sentimenti, oltre che esilarante, che ci mostra, in modo poco consueto forse, l’essenza della vera amicizia. Il finale, che avrebbe potuto prendere una piega diversa, rispecchia l’andamento del film, suscitando tra gli spettatori opinioni diverse, riguardo tale scelta del regista. Un bel film, che verrà sicuramente amato da chi troverà divertente ed irresistibile l’eccentrico orsetto.