BRESCIA – Premiati i carabinieri nelle operazioni. Sono 21 militari

0

Stamattina al Comando Provinciale dei Carabinieri, 21 militari, per  la maggior parte effettivi ai Comandi di Stazione della Provincia, particolarmente distintisi in operazioni di polizia giudiziaria, sono stati premiati dal Colonnello Marco Turchi che prima ha consegnato al Capitano Pietro D’Imperio il diploma conseguito al termine del terzo Corso Basico di Analisi Criminale frequentato alla Scuola di Perfezionamento delle Forze di Polizia. Le premiazioni sono un’ulteriore conferma della centralità delle Stazioni dei Carabinieri quali fulcro dell’attività preventiva e repressiva dell’Arma, che nel territorio della Provincia bresciana, con i suoi ottanta presidi, procede per l’80% dei reati consumati, a testimonianza della capillarità dell’istituzione e della profonda fiducia che la popolazione ripone nell’operato dei Carabinieri. Tra gli episodi alla base dei riconoscimenti consegnati oggi ci sono le seguenti:

– il 2 settembre a Sirmione, al termine di mirati servizi posti in essere a seguito di uno scippo con conseguenti lesioni personali della vittima e ad analogo episodio tentato solo pochi giorni prima, il personale della Stazione di Sirmione fermava due cittadini albanesi nullafacenti clandestini verosimilmente intenti a pianificare la commissione di altri scippi. Uno dei due veniva tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale per essersi violentemente opposto ai militari nel vano tentativo di darsi alla fuga;

– il 15 settembre a Isorella, attivatisi a seguito di anomalie lungo la tratta ferroviaria Brescia-Parma, i militari della Stazione locale procedevano a eseguire una pronta e mirata attività tesa a contrastare i furti di materiali ferrosi e rame. Il servizio permetteva di trarre in arresto due cittadini italiani per furto aggravato in concorso, interruzione di pubblico servizio e possesso di oggetti atti allo scasso, sorprendendoli mentre si allontanavano dai binari dopo aver asportato cavi in rame per 70 chili;

– il 20 settembre a Brescia, concludendo le indagini avviate immediatamente dopo l’aggressione con acido muriatico posta in essere nei confronti di un italiano, i Carabinieri della Stazione di Travagliato, in collaborazione con quelli del NOR di Chiari, procedevano al fermo di indiziato di delitto di una donna e un uomo, responsabili di aver aggredito il fidanzato di lei gettandogli poi addosso la sostanza acida;

– il 23 settembre a Chiari, i militari del Comando di Stazione locale intervenivano in aiuto di una ragazza romena che, scavalcato il guardrail, minacciava di suicidarsi buttandosi da un cavalcavia sulla strada sottostante. La prontezza dei militari, che riuscivano ad afferrare la donna per cintura e quindi a trarla in salvo, evitava che il tentativo fosse portato a ben più gravi conseguenze.

I CARABINIERI PREMIATI