CHIARI – 150 anni di Città, tutti in Duomo per cantare “Te Deum”

0

Nella ricorrenza del 150esimo anniversario dalla proclamazione di Chiari a Città, venerdì 5 ottobre alle ore 20,30 in Duomo si svolgerà la solenne celebrazione di ringraziamento con il canto del “Te Deum”. La celebrazione sarà animata dalla Schola Cantorum Sant’Agape con la scuola musicale G. B Pedersoli e gli Amici della Musica “Città di Chiari”.

A cura dell’Amministrazione Comunale, l’invito alla partecipazione è stato esteso anche al Prefetto di Brescia, alle autorità civili, militari e religiose: inoltre è sollecitata la presenza alla cerimonia con il proprio vessillo da parte dei rappresentanti  delle istituzioni scolastiche del territorio e di tutte realtà associative clarensi d’Arma, dello Sport e del Volontariato. Il prevosto, mons. Rosario Verzeletti, accoglierà il sindaco Sandro Mazzatorta e i presidenti delle Quadre di Marengo, Zeveto, Cortezzano e Villatico per l’omaggio ai Santi Patroni con l’accensione dei ceri all’altare delle Reliquie nel Duomo dove viene dato particolare risalto al Reliquiario dei Martiri Faustino e Giovita, della compatrona Sant’Agape e all’urna del compatrono San Bonifacio.

Verrà esposto sull’altar maggiore il Santissimo Sacramento al canto dell’inno eucaristico di Chiari “O Cristo dei secoli”, composto dal maestro Carlo Capra per il Congresso Eucaristico svolto nel 1938. Il primo cittadino, affiancato dal presidente del Consiglio Comunale e dal capo distaccamento dei Vigili del Fuoco di Chiari e seguito dai presidenti delle Quadre, accenderanno il grande cero del Comune e di quattro piccoli ceri ai quattro lati del presbiterio, direzionati secondo le vele della cupola raffiguranti i Patroni di ciascuna Quadra.

Al termine dell’omelia di Mons. Verzeletti, seguirà il canto di ringraziamento del Te Deum K. 141 in do maggiore di Mozart composto nel 1769 e interpretato dalla Schola Cantorum Sant’Agape diretta da don Giuseppe Fusari e accompagnata da un’orchestra da camera prevalentemente composta da musicisti clarensi. A seguire in piazza Zanardelli si attende l’uscita del Santissimo Sacramento per la benedizione alla città impartita dal Prevosto dalla porta centrale del duomo. In piazza il Corpo Bandistico G. B Pedersoli all’arrivo del Santissimo intonerà l’Inno Eucaristico di Chiari.

Dopo una preghiera comunitaria verrà diffuso in piazza il canto “Tantum ergo” di Mozart eseguito dal coro in attesa della solenne benedizione. Riposto in duomo il Santissimo, il sindaco pronuncerà il discorso celebrativo del 150esimo di Chiari Città. Per solennizzare l’occasione e renderla storica nel ricordo è in programma il ripristino dell’antica consuetudine clarense di concedere alla banda musicale di suonare, prima della celebrazione o alla benedizione in piazza, melodie dall’alto della Torre. E’ prevista l’illuminazione straordinaria del campanile con bracieri sulle balaustre e la paratura di piazza Zanardelli con drappi giallo-rossi in omaggio ai colori delle campiture dello stemma della Città.