CHIARI – Documenti falsi in auto, il boom è colpa della crisi

0

E’ in continua espansione il fenomeno dei falsi documentali riscontrati dalla Polizia Locale di Chiari. L’episodio più recente segnalato dai Vigili Urbani risale allo scorso 27 settembre, durante uno dei controlli sistematici svolti dagli agenti in pattuglia presso le scuole: l’automobile su cui viaggiava una cittadina rumena, A. M. del 1975, esibiva un contrassegno assicurativo che destava sospetti.

Al controllo effettuato nel laboratorio Falsi Documentali della caserma di Viale Bonatelli è stata accertata, con la scansione ai raggi ultravioletti, la falsità del documento. “La conducente del veicolo – ha dichiarato il Comandante della Polizia Locale di Chiari, Michele Garofalo – di fronte le contestazioni degli agenti, ammetteva di aver modificato il contrassegno e di non essere coperta da assicurazione obbligatoria.

E’ inevitabilmente scattata la contestazione per guida di veicolo non coperto da assicurazione Rc prevista dall’art.193 del Codice della Strada che prevede la sanzione pecuniaria di 798 euro, più il sequestro del veicolo. Dall’inizio dell’anno sono una ventina i documenti falsi rinvenuti dalla Polizia Locale di Chiari. In particolare circolano con contraffazione assicurazioni, patenti di guida soprattutto straniere, carte di circolazione e permessi di soggiorno. Probabilmente la forte crisi economica che stiamo vivendo accentua questo fenomeno perché spesso le famiglie non sono in grado di sostenere le spese ordinarie di gestione”.