BRESCIA – Il Suap si paga con la carta di credito tramite l’Asl

0

E’ stato firmato ieri, lunedì 24 settembre, il protocollo d’intesa tra l’Asl di Brescia e la Comunità montana della Valtrompia per il pagamento elettronico dei diritti di istruttoria per le pratiche dello Sportello Unico Attività Produttive (Suap). L’accordo è finalizzato a fornire una più efficiente e rapida modalità nelle risposte alle istanze dei cittadini, snellendo gli adempimenti a carico dell’utenza e automatizzando i pagamenti previsti nei procedimenti del Suap Valtrompia. Si tratta del primo caso in Lombardia di istituzione del servizio di pagamento on line per questo tipo di pratiche da parte della Pubblica Amministrazione.

Suap e Amministrazione digitale

Il protocollo d’intesa tra Asl e Comunità montana della Valtrompia rappresenta un esempio virtuoso e concreto dell’applicazione delle leggi vigenti in materia di digitalizzazione e semplificazione dell’azione amministrativa. In particolare, per quanto concerne il Suap, i punti di riferimento normativi sono il Decreto del Presidente della Repubblica 7-9-2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112,  e il Decreto Interministeriale (Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero della Semplificazione Normativa) 10.11.2011 recante Misure per l’attuazione dello Sportello Unico delle Attività Produttive, in particolare art. 2 “Sistema dei pagamenti”.

I Decreti impongono ai comuni l’obbligo di istituire un ufficio unico cui fanno riferimento tutti i procedimenti del proprio territorio legati alle attività produttive. Il Suap, che comprende il commercio, i servizi e le attività manifatturiere e produttive, deve acquisire per conto dell’utente tutte le autorizzazioni e i nulla osta necessari per l’avvio (o la modifica o la chiusura) di un’attività (Scia), evitando al cittadino di doversi recare presso tutti gli enti che hanno una parte di competenza sul procedimento (tra questi anche l’Asl). In particolare, per quanto attiene ai procedimenti di pertinenza dello Sportello Unico delle Attività Produttive il D.P.R. 160/2010 prevede in capo al Suap comunale l’onere di acquisire telematicamente assensi e pareri dagli altri Enti eventualmente coinvolti nell’istruttoria, tra i quali le Asl competenti territorialmente, nonché l’obbligo di mettere a disposizione dell’utenza sistemi di pagamento elettronico per le spese e i diritti di istruttoria afferenti al procedimento (art. 4, comma 13).

In Valtrompia il Suap è gestito dalla Comunità montana per fornire un aiuto operativo ai comuni che non hanno la forza economica e le conoscenze tecnologiche per affrontare questo passo strategico. Il protocollo firmato ieri rientra nelle iniziative che l’Asl sta realizzando in adempimento a quanto stabilito dal Codice dell’Amministrazione Digitale (Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, art. 5), codice nato con lo scopo di regolare la disponibilità, la gestione, l’accesso, la trasmissione, la conservazione e la fruibilità dell’informazione in modalità digitale. Nel Cad si sottolinea che “le pubbliche amministrazioni centrali possono avvalersi, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, di prestatori di servizi di pagamento per consentire ai privati di effettuare i pagamenti in loro favore attraverso l’utilizzo di carte di debito, di credito o prepagate e di ogni altro strumento di pagamento elettronico disponibile (…)”.

I vantaggi per l’utenza

Il Suap Valtrompia, istituito nell’ottobre del 2011, serve i comuni di Collio, Bovegno, Irma, Marmentino, Lodrino, Tavernole, Pezzaze, Marcheno, Gardone, Sarezzo, Polaveno, Brione, Lumezzane, Villa Carcina, Concesio, Bovezzo, Nave, Caino, Collebeato e Cellatica (Ospitaletto?), per una popolazione complessiva che supera i 130 mila abitanti. Secondo dati statistici della Camera di Commercio di Brescia il bacino di utenza della Valtrompia ha prodotto un volume di circa 2 mila pratiche l’anno. Almeno la metà di queste sono interessate dal pagamento di diritti Asl per i sopralluoghi o l’istruttoria di competenza (tutte le pratiche di avvio di una nuova attività, di modifica di un’attività esistente o di sub ingresso). Con il nuovo sistema, che permette la condivisione telematica delle informazioni tre le due amministrazioni, l’utente che si rivolgerà al Portale Suap avrà quindi il vantaggio di poter esaurire in un unico sito web, tutte le incombenze per la presentazione della pratica, tra le quali anche il pagamento dei diritti di competenza dell’Asl, che verranno immediatamente rendicontati sia all’utente, che al comune, che all’Asl stessa, per i dovuti controlli.

Il portale web è stato predisposto per consentire le più diffuse forme di pagamento elettronico (Carta di Credito, Paypall, BancoPosta etc.) senza oneri aggiuntivi per l’utente rispetto a quelli reclamati dai circuiti di credito di appartenenza. Nessun costo verrà addebitato all’utente se sceglierà il pagamento con il sistema del Mav elettronico. Le pratiche in forma digitale vengono indirizzate agli uffici comunali, che ne restano i titolari, e alla Camera di Commercio per gli adempimenti di sua competenza. Se il servizio troverà il gradimento dell’utenza, potrà diventare un modello pilota ed essere “esportato” in altre realtà Suap e nelle Amministrazioni che con frequenza intervengono nei procedimenti come ad esempio i Vigili del Fuoco, Arpa, soprintendenze etc… Il servizio sarà disponibile per il pubblico dopo una fase di collaudo tecnico tra le strutture informatiche dei due enti coinvolti, ma già da ottobre, a un anno dalla costituzione del Suap potrà risultare pienamente operativo.