GARDONE – Trent’anni di Autunno Musicale con i concerti

0

L’assessore alla Cultura del Comune William Fantini ha presentato la nuova stagione dell’Autunno Musicale gardonese. “Trenta! Tante sono le edizioni del nostro Autunno Musicale; questo ci riempie di soddisfazione e orgoglio: abbiamo saputo mantenere fede all’impegno di chi, nel 1982, aveva scommesso sulla possibilità che attorno alla magnificenza del ristrutturato e sontuoso organo della chiesa parrocchiale di San Marco Evangelista avrebbe potuto prender avvio un percorso artistico-musicale di grande spessore.

Grazie all’iniziale interessamento di soggetti privati, raccolti intorno all’allora parroco-organista mons. Giuseppe Borra, all’amministrazione comunale guidata dall’allora sindaco Giovanni Bondio e all’assessore alla Cultura Giorgino Entrata, ogni edizione ha permesso di offrire alla cittadinanza l’incontro con artisti, orchestre, cori di grande levatura nazionale e internazionale. Avevamo all’incirca trent’anni di meno quando si esibivano in Gardone talenti come il pianista sovietico Grigorij Sokolov, il giovane violinista Sergej Krylov, divenuti poi stelle del panorama concertistico internazionale; il pubblico ha avuto la possibilità di approfondire la propria cultura musicale e di accedere a una proposta culturale sempre più elevata e mai disattesa dal nostro direttore artistico Enrico Sandrini.

Essere riusciti ad assicurare un adeguato finanziamento alle varie edizioni della nostra stagione musicale – continua Fantini – è frutto di scelte politiche e culturali delle Amministrazioni che si sono succedute. Per quanto ci riguarda sappiamo quanto sia stato finora difficile, soprattutto per una congiuntura nazionale ed internazionale che ha penalizzato la cultura – quasi fosse indice di sprechi – e non, come spesso avviene oltralpe, fattore di sviluppo e rinascita dell’economia dei territori e quindi di quella nazionale.

Per questo ringrazio il sindaco Michele Gussago che, da titolare del Bilancio, ha voluto assicurare il massimo possibile al finanziamento della manifestazione. In questo lungo percorso molti amici si sono aggiunti assicurando il proprio sostegno o sono entrati a far parte, con grande titolo di merito, dell’organizzazione: ringrazio sentitamente il Comune di Concesio e le Settimane montiniane, il Comune di Marcheno e la Comunità montana della Valtrompia, la Fondazione Borra, il Distretto Diffuso del Commercio e il Rotary Club Valtrompia per la collaborazione.

I luoghi che ospiteranno la rassegna li conosciamo: gli Auditorium di Gardone e Concesio, ma soprattutto alcune delle più belle chiese del territorio faranno da cornice agli appuntamenti. Ringrazio per questo i relativi parroci; in questo ambito voglio ricordare il concerto nella Basilica gardonese di Santa Maria degli Angeli – omaggio a Mons. Borra – appuntamento solenne per celebrare, tra le tante iniziative in programma, il 500esimo anniversario della fondazione del complesso conventuale francescano voluto da San Bernardino da Siena e dagli Avogadro.

Rivolgo un particolare invito ai giovani, alle loro famiglie e agli insegnanti affinché frequentino questi luoghi nei quali si incontra il carattere generativo del creatore di musica; ogni composizione musicale presuppone un atto creativo volontario così come avviene per un’opera di architettura, di pittura, di scultura, per un romanzo o un poema: tutti sono sintesi di intuizione fantastica e nello stesso tempo di logica. La musica non ha concetti precisi come la parola, non si tocca, non si vede, non ha bisogno di riconoscimenti iconografici come le arti visive; è sufficiente predisporsi, chiudere gli occhi e si può incontrare l’”umano” che c’è in ognuno di noi”.

I CONCERTI DELL’AUTUNNO MUSICALE