BRESCIA – Artematica ha gonfiato gli ingressi di Matisse

0

I dati della Siae sono giunti a Brescia, e le notizie non sono buone per Artematica.
“Artematica ha contraffatto i dati”, queste le Parole del Sindaco Paroli, di fronte ai numeri consegnati dalla Siae, è subito stata inviata una richiesta relativa alla mostra Inca del 2009-2010.

I dubbi e le incertezze sono state chiarite, Brescia ha continuato a dare fiducia ad Artematica, questa fiducia è stata completamente persa, ora si vogliono verificare tutte le attività della società da quando è arrivata a Brescia.

12 giugno: i dati Siae in merito ai visitatori risultano essere 124.184, di cui 112.969 a pagamento.
Artematica, nella stessa giornata ne dichiara 257.392, di cui paganti 237.196.

I numeri non sono solo gonfiati ma raddoppiati.

Rocco Vergani, l’esponente del Pd che per primo ha pubblicato il biglietto dichiarando i propri dubbi, chiede chiarezza in Consiglio, chiede spiegazioni in merito alla presenza di Artematica a Brescia, riferendosi al Sindaco ha detto: “Perché ha portato Artematica e Brunello a Brescia?”.

La vicenda si sta trasformando in una questione politica, l’opposizione vuole le dimissioni dimissioni dell’Assessore Arcai, lui ha detto che si sarebbe dimesso solo se fosse stato il Sindaco a chiederlo, ma Il Primo Cittadino non ha fatto nessuna richiesta all’Assessore.
Pd e Lega per la prima volta si trovano concordi su un fatto, entrambi chiedono verifiche sulle precenti mostre realizzte dalla società di Treviso nella nostra città.

Nel frattempo Brescia Musei sta agendo per vie legali, ha inviato a Treviso una diffida, affinché Artematica paghi 500mila euro, lo ha dichiarato l’avvocato Lojacono, il tempo concesso per pagare è di cinque giorni, al termine dei quali si procederà con una causa civile.

La Procura di Brescia e il fascicolo che ha aperto in merito alle controversie tra Brescia e Artematica si è trasformato in una possibile accusa per truffa.

Andrea Brunello da parte sua chiede al Comune di Brescia 2 milioni di euro per la mancata realizzazione della mostra sui Maya che, molto probabilmente sarà  realizzata in un’altra città.