GARDONE – 15° Trofeo Aido, la beneficenza corre su quattro ruote

0

Settembre porta con sé come ogni anno un grande evento di solidarietà unita allo sport della regolarità per auto storiche, il Trofeo Aido giunto alla sua 15esima edizione. La gara di auto storiche fino al 1961 è quest’anno dedicata agli “Amici dell’Aido” a tutti coloro cioè che sostengono e diffondono gli ideali della donazione degli organi, tessuti e cellule.

L’arrivo lo scorso anno

L’iniziativa ha scopi puramente benefici, infatti il ricavato è completamente devoluto dall’ associazione Asdssc Monica Giovanelli a iniziative benefiche a favore di enti che operano nella sanità e a quelle dell’Aido; nel 2012 verranno finanziate con donazioni le seguenti iniziative:

– Borsa di studio a sostegno del reparto di Emodialisi dell’ospedale di Gardone (terzo anno); la borsa di studio annuale consente la presenza di un medico durante i giorni di apertura del reparto in modo da rendere tale sede polo di convergenza di tutti i malati della media e alta Valtrompia senza che essi debbano recarsi a Brescia.

– Donazione per la realizzazione del nuovo Day Hospital di Ematologia presso l’ospedale; l’elevato numero di pazienti affetti da emopatie neoplastiche (leucemie acute e croniche, linfomi, mieloma), la complessità delle cure, i costanti progressi nella percentuale di guarigione dei pazienti stessi, evidenziano l’esigenza di decentrare sul territorio una parte dell’attività dell’U.O. di Ematologia degli Spedali Civili di Brescia. Da ciò l’opportunità di un progetto finalizzato ad attivare, anche presso a Gardone dove è peraltro già strutturata da tempo un’attività di DH/ambulatorio per pazienti oncologici affetti da tumori “solidi”, una sezione operativa di Day Hospital di Ematologia, rivolta in primis ai malati residenti sul territorio valtrumplino.

– Campagna di informazione Aido a Gardone; grazie al Trofeo, a maggio, in occasione del 35° anniversario del gruppo è stato possibile inviare a 4.500 famiglie di Gardone, Inzino e Magno l’opuscolo del gruppo e il volantino informativo “Un donatore Moltiplica la vita” che contiene tutte le informazioni necessarie alla comprensione della necessità della donazione degli organi altre che le norme legislative e organizzative che regolano i trapianti di organi e in collaborazione con il Comune di Gardone presso l’ufficio Anagrafe sarà possibile ritirare l’opuscolo informativo “Un Donatore Moltiplica La Vita”, ricevere e compilare il modulo di adesione all’Aido e consegnarlo.

Il Comune si è poi impegnato a segnalare la possibilità di iscrizione a tutte le persone durante il rinnovo del documento di identità anche ai diciottenni. Ricco il programma e gli appuntamenti del fine settimana che inizia con il “Concerto per la Vita” presso la Chiesa Parrocchiale di Sarezzo venerdì 14 settembre alle ore 20,30 dove si eseguirà lo “Stabat Mater” di Pergolesi. Sabato 15 dalle ore 14 alle 17,30 all’oratorio di Inzino si svolgerà la prima parte delle verifiche tecnico sportive per auto ed equipaggi, mentre alle 18 ci sarà il prologo con la salita Inzino-Magno, gara di media imposta a rilevamento segreto che assegnerà il Gran Premio Annalisa Gnutti.

Questo tipo di gara poco usuale in Italia rappresenta una grande novità che sta eccitando gli equipaggi per la poca diffusione e che renderà il Gran Premio ancor più competitivo. Domenica 16 la partenza alle 10,15 dall’oratorio di Gardone per la prima tranche di 80 chilometri del percorso, disegnato da Maurizio Belisomo della scuderia Black Eagles, che, risalendo la Valtrompia, scollinerà tra i verdi prati di Marmentino in Valsabbia per raggiungere il lago d’Idro e costeggiarlo fino a Ponte Caffaro.

Da qui si entra nella parte trentina raggiungendo il lago di Ledro, dove a Pieve si terrà la sosta pranzo. Nel pomeriggio la seconda parte del percorso di 140 chilometri che toccherà il lago di Garda con la ripartenza dalla piazza di Riva del Garda, Fiavè con la consegna di mele del posto, l’altipiano del Bleggio, Tione e la discesa della Val Giudicarie verso Brescia. Sul lago d’Idro il percorso devierà verso il Passo Maniva, la cui sommità di 2.200 metri permette di rientrare in Valtrompia. Il passaggio nel borgo storico di Bovegno, con la consegna delle famose formagelle, precederà l’arrivo a Sarezzo, previsto per le 17,30. Successivamente Classifiche e premiazioni al Teatro tenda all’oratorio di Inzino alle 20.

Il Trofeo Aido fa parte di un percorso di solidarietà sostenuto dal mondo delle Auto Storiche denominato “Aido Historic Challenge 2012” di cui fanno parte ben sei tra le più importanti gare di regolarità in Italia e cioè: Valli e Nebbie, Le Mitiche Sport a Bassano, Coppa D’Oro delle Dolomiti, Raid dell’Etna, Trieste Opicina Historic e Trofeo Aido. Gli organizzatori di tali manifestazioni hanno sposato gli ideali della donazione degli orgnani ed esporranno il marchio benefico nelle loro gare.

PROGRAMMA DEL CONCERTO

TEMPI DI PASSAGGIO