GARDONE – “In centro a tavola” in via Zanardelli con menù da gustare

0

A volte tornano. Questo potrebbe essere il sottotitolo dell’ iniziativa programmata per il prossimo 9 settembre a Gardone dall’instancabile Comitato “Acqualunga” Centro Storico. Chi non ricorda infatti la lunga tavolata che per 10 anni fino al 1988 si è svolta nella via centrale del paese con picchi fino a 350 commensali?

E così, i nostri volontari accogliendo le numerose richieste, hanno deciso di rimboccarsi le maniche e ripetere questa esperienza che sempre ha fatto ben parlare di sé e che in più occasioni è anche stata copiata in diverse realtà della provincia.

La tavolata che, ricordiamo, avrà luogo nella centrale via Zanardelli, è stata programmata per domenica 9 settembre alle ore 12,30. Il menù è composto da: 5 pezzi di spiedo, polenta, verdura, frutta, dolce e acqua e vino a volontà.

Le prenotazioni si possono effettuare entro e non oltre il 2 settembre presso: Macelleria Peruchetti, Forneria Pangrillo, Macelleria Belpitero, Fruttivendolo Zanelli e Tommy’s bar. Ovviamente tutte realtà che operano all’interno del centro storico gardonese e che, nel corso dell’anno sono spesso vicine alle numerose iniziative proposte dal Comitato.

I posti sono limitati e si consiglia quindi di affrettarsi nell’iscrizione. A tutti i commensali verrà inoltre consegnato in omaggio un biglietto per la “lotteria volante” che vedrà l’estrazione di numerosi e ricchi premi (la maggior parte offerti dagli stessi commercianti). Il prezzo? veramente modico: €. 15,00 tutto compreso. Dicevamo che l’evento è stato programmato a fronte delle numerose richieste pervenute e già in paese se ne parla ricordando le edizioni passate.

Ma i motivi che hanno spinto gli organizzatori a riproporre la tavolata sono anche altri: in primo luogo il desiderio di vedere rivivere almeno per una giornata via Zanardelli nella speranza che qualcuno ammirando la bellezza delle abitazioni e delle realtà produttive inattive possa essere stimolato ad un recupero edilizio o a intraprendere una nuova esperienza artigianale o commerciale.

Vi è poi un altro motivo importante che ha stimolato i volontari del Comitato “Acqualunga” a proporre questo evento; l’Associazione oltre che essere nota per i suoi numerosi eventi programmati nel corso dell’anno è altresì famosa per le iniziative di beneficenza realizzate; basti pensare che, solo nei primi sette mesi di quest’anno sono stati devoluti contributi alla Caritas di Gardone V.T., , ai terremotati dell’Emilia e al reparto di Oncologia pediatrica degli Spedali Civili di Brescia. Se a questi si aggiunge l’impegno nell’organizzazione del concerto del 1 Maggio (sempre a scopo benefico) e la collaborazione nella vendita del formaggio per una cooperativa agricola mantovana colpita dal sisma del 20 maggio scorso si capisce che i volontari del Comitato danno continuamente la disponibilità del loro tempo libero non per fini di lucro. E questo continua ininterrottamente da ormai 16 anni.

L’Associazione si trova però a dover fronteggiare delle spese nel corso dell’anno come ad esempio le spese per l’affitto di sedi e magazzini e le utenze delle stesse. Considerando che negli ultimi periodi i contributi che arrivavano dagli Enti pubblici sono stati decisamente ridotti, per poter far fronte alle spese e soprattutto poter continuare a fare della beneficenza si è pensato di riproporre questa iniziativa che però vuole e deve essere realizzata come momento comunitario in una giornata di festa e di allegria. L’invito quindi è quello di affrettarsi ad iscriversi per poter poi dire: io c’ero, anche perché poi l’anno prossimo l’iniziativa si ripeterà?
Ai posteri l’ardua sentenza.