SAREZZO – La casa di riposo fa 60. Quattro giorni di festa con gli anziani

0

Il Comune valtrumplino si appresta a celebrare i sessant’anni della sua casa di riposo. Grazie a quanto disposto nel testamento di Maria Perotti nel 1943 e all’appoggio dell’allora sindaco Giuseppe Pansera, il 21 aprile 1952 iniziarono i lavori di costruzione della residenza per anziani.

Sono passati sessant’anni e la struttura è stata più volte modificata: oggi rispetta tutti gli standards qualitativi previsti dalla normativa e può ospitare un massimo di 65 persone, oltre ad altri dieci utenti che possono accedere al servizio di Centro Diurno. Oggi la Rsa “Madre Teresa di Calcutta” non è un microcosmo chiuso, ma una struttura perfettamente integrata nel territorio, aperta a tutti e frequentata in modo assiduo, oltre che dai parenti degli ospiti, anche da numerosi cittadini, da gruppi, associazioni, alunni delle scuole, che desiderano partecipare alle iniziative che vengono proposte all’interno della struttura.

La Rsa è anche frequentata ogni giorno da un nutrito gruppo di volontari che garantiscono una serie di attività e servizi per il miglioramento della qualità della vita degli ospiti e contribuiscono in modo decisivo a creare un clima informale e familiare. Per celebrare i 60 anni è stato realizzato un Cd, “Moltiplicare la nostra voce”, composto da brani musicali che hanno in comune un’attinenza più o meno diretta con il mondo degli anziani, osservato da punti di vista differenti, anche del tutto contrapposti. Ad eseguire i pezzi sono musicisti professionisti, musicisti appassionati e cantanti improvvisati tali per la circostanza, anche loro con un denominatore comune: un contatto diretto o indiretto con la Rsa di Sarezzo.

Il cd, prodotto dal “Gruppo volontari Madre Teresa di Calcutta”, è già disponibile alla Rsa o all’ufficio Relazioni con il pubblico del Comune e verrà presentato venerdì 31 agosto nell’ambito della festa organizzata dal gruppo dei volontari, che si svolgerà dal 30 agosto al 2 settembre. Si parte domani, giovedì 30 agosto alle ore 10, con animazione e un torneo di bocce insieme agli ospiti della Rsa della valle. A seguire il pranzo comunitario. Venerdì 31 alle 20,30 sarà presentato il cd. Sabato 1 settembre alle 10 ci sarà la proiezione del filmato “Festa degli alberi 1953” presentato da Giancarlo Antonini.

Si tratta di un filmato d’epoca che documenta il momento della piantumazione degli alberi nell’area confinante con la Rsa, alla presenza delle autorità dell’epoca e di numerose classi delle scuole elementari. Alle 10,30 un convegno sulle patologie tipiche dell’età anziana con gli interventi della dott.ssa Paola Ferri (L’artrosi senile), il Luigi Franzoni (La demenza) e del dott. Nicola Pagnoni (Il cuore anziano). Nel pomeriggio alle 15,30 “La Corrida – Dilettanti allo sbaraglio” con Simone Crastus e Susanna Bachis (per iscriversi contattare il servizio di animazione allo 030.800107), alle 20 l’esibizione di danze latino americane con la scuola di ballo “Desidery Dance” diretta dai maestri Leo e Laura e alle 20,40 una serata musicale con il duo “Roby e Maura”.

Domenica 2 settembre si parte alle 10,30 con una messa, alle 11,45 il ritiro dello spiedo d’asporto, alle 12,30 il pranzo allo stand, alle 14 il torneo di cicera, alle 16 la tombolata, alle 20 l’esibizione degli allievi della scuola di danza “Dance world” diretta da Roberta Botti e alle 20,45 una serata musicale con “Walter Villa”. A seguire l’estrazione dei premi della lotteria. Per tutta la durata della festa funzionerà lo stand enogastronomico e la pesca di beneficenza.