ISEO – Una cantina sul monte: Legambiente chiede perché lì

0

Località Dossello: sulla cima di una montagna, un’area dove una volta sorgeva un bosco, in un sito di delicato impatto ambientale ed idrogeologico, presto sorgerà una cantina.
La società agricola in questione, il 14 aprile 2011 ha aperto un SUAP, sportello unico attività produttive, richiedendo i finanziamenti previsti dal programma di sviluppo rurale 2007-2013 della regione Lombardia.

Il fatto ha fatto emergere una contraddizione resa nota da Legambiente Basso Sebino, da circa quattro anni la Regione sta erogando dei sussidi agli agricoltori  tra cui la Franciacorta  per ridurre la produzione di vino per l’eccessiva offerta, ma allo stesso tempo fornisce incentivi e finanziamenti per la costruzione di attività agricole.

Il luogo in cui dovrebbe sorgere la cantina è di difficile accessibilità, solitamente le cantine sono posizionate in pianura per una migliore gestione dell’attività produttiva, in questo caso, la cantina che dovrebbe sorgere sulla sommità della montagna situata al Dossello, una posizione che non soddisfa le normali caratteristiche atte alla realizzazione di un’azienda agricola.

Le strada è piccola e non consente un agevole transito  delle macchine agricole e di fronte alla cantina non esiste un piazzale di manovra.

Legambiente riconosce che il procedimento è stato svolto in modo perfettamente legale, ma non capisce come il Comune possa aver permesso un intervento in tale posizione.