SONICO – Tavolo tecnico sulla frana, pronti 2 milioni per la stabilità

0

Gli assessori regionali al Territorio e Urbanistica Daniele Belotti e al Commercio, Turismo e Servizi Margherita Peroni hanno incontrato oggi il sindaco camuno Fabio Fanetti, insieme al quale hanno effettuato un sopralluogo alla frana che, alla fine di luglio, ha colpito la località. Con l’onorevole Davide Caparini, parlamentare di riferimento per il territorio, l’assessore provinciale alla Sicurezza Mario Maisetti e i tecnici della Direzione generale Territorio hanno, quindi, fatto il punto sugli interventi da realizzare nella zona colpita dal dissesto.

Disponibili subito quasi 2 milioni di euro. L’assessore Belotti ha confermato la “massima attenzione da parte della Regione,
della Provincia, ma anche degli altri rappresentanti istituzionali del territorio, dell’onorevole Caparini verso i residenti di Sonico. Stiamo verificando gli stanziamenti in programma, in particolare i 1.280.000 euro già disponibili per le prime opere di svaso, ma soprattutto ci interessa assicurare anche il monitoraggio della frana – con 200.000 euro – che consentirà ai residenti di stare tranquilli.

Altrettanto importanti – ha aggiunto Belotti – sono gli interventi nuovi, in primis il ponte, il cui progetto va rivisto e che sarà più alto di un metro”. Per quest’opera, e per il rafforzamento dell’arginatura sinistra, sono già disponibili 1.947.000 euro, fondi inseriti nel Piano di difesa del suolo relativi alla Valtellina. Con altre economie provenienti dai primi lavori già effettuati si procederà, inoltre, al consolidamento e parziale svuotamento della briglia a monte del torrente Rabbia.

Interventi urgenti. “Dobbiamo essere solerti per rispettare le necessità dei residenti – ha aggiunto Belotti -, a cui metteremo a disposizione un ponte provvisorio”. “Dal giorno dell’evento, lo scorso 27 luglio – ha detto l’assessore Peroni – abbiamo continuato a monitorare la situazione e programmato opere di messa in sicurezza urgenti.

L’incontro di oggi è servito per programmare opere strutturali che dovranno essere definitive e per tranquillizzare le persone che qui vivono, assicurando la messa in sicurezza di questa zona. Una riunione operativa, in cui abbiamo definito tempi e finanziamenti: le opere urgenti sono già in essere, per quelle da programmare abbiamo previsto di partire subito con il nuovo ponte”.

Fonte: Lombardia Notizie

AdamelloNews.com » Valcamonica