BRESCIA – Caldo e siccità colpiscono gli uliveti, l’allarme di Coldiretti

0

“Il caldo e la siccità di questi giorni stanno mettendo in difficoltà anche i nostri uliveti. Vero è che l’olivo è una pianta mediterranea e ben resiste alle alte temperature e alla carenza idrica, ma i valori di questa estate e le ondate di caldo che si sono susseguite stanno mettendo a dura prova la loro resistenza e la tenuta delle produzioni. E parliamo di una produzione di assoluta qualità che, nel suo piccolo, per Brescia vale oltre 10 milioni di euro”.

E’ quanto sottolinea Ettore Prandini, presidente della Coldiretti Brescia, in vista dell’appuntamento con la 36esima edizione della fiera di Puegnago del Garda, che si svolgerà da venerdì 31 agosto a lunedì 3 settembre nel comune gardesano, intitolata all’olio Casaliva e al vino Groppello. “Quella di Puegnago – continua Prandini – sarà l’occasione per Coldiretti di fare il punto della stagione produttiva che avrà il culmine nei prossimi mesi con la raccolta delle olive e che partirà per prima sul Garda.

La valorizzazione della Casaliva vede già da tempo impegnata Aipol (Associazione Interprovinciale Produttori Olivicoli Lombardi), ma ritengo che in generale l’olivicoltura bresciana è di pregio grazie alle sue peculiarità, che la differenziano da qualsiasi altra realtà nazionale e comunitaria”. Da segnalare il convegno curato da Aipol e Unaprol “La verità è come l’olio… viene sempre a galla – Le buone pratiche per la produzione di olio d’oliva di qualità”, in programma lunedì 3 settembre: alle 16 la sessione tecnica, alle 18 quella economico normativa.

Viste le alte temperature registrate nelle ultime settimane, l’ufficio tecnico di Coldiretti Brescia ha stimato che potrebbe esserci un certo anticipo nella raccolta delle olive che coinvolge 1.500 ettari coltivati, 530 mila piante, 2.000 produttori e 21 frantoi. “La nostra produzione – spiega – è vista con interesse anche a livello di associazioni nazionali olivicole, perché rappresenta un modello che funziona e ha riscontri positivi di mercato, grazie alla passione e all’intraprendenza dei produttori che da anni investono solo sulla qualità”.

E proprio, parlando di mercato, si inserisce il nuovo progetto portato avanti da Silvano Zanelli, presidente di Aipol, per valorizzare l’olio extravergine monocultivar della Casaliva, tipica e autoctona oliva del Garda, che si potrà inserire a pieno titolo nel mercato emergente degli oli che esprimono una unicità e un profilo qualitativo elevatissimo.