APRICA – I balconi più fioriti sono in via Clef, premi sul podio

0

A margine del concerto del Coro Gambuér tenutosi nei giorni scorsi, sono stati premiati i migliori balconi fioriti del paese per la stagione. Il vicesindaco, nonché assessore al Turismo, Bruno Corvi è stato chiamato sul palco dalla presentatrice Laura Caspani, in costume aprichese. Corvi ha espresso apprezzamenti e ringraziamenti al coro e ai partecipanti al concorso.

Il vincitore tra le case private

Per la categoria case private ha vinto il premio di miglior Balcone Fiorito 2012 Silvio Togni di via Clef, le terrazze della cui abitazione sono inanellate da grandi volute di gerani e surfinie multicolori. Secondo premio a un’altra casa dei Clef, quella di Cristian Ambrosini. Terzo a Enrica Volonté, in contrada Mavigna. Menzione speciale per Emilio Della Moretta, di nuovo in via Clef. Segnalati anche gli addobbi floreali delle case di Renato Della Moretta, Claudio Cioccarelli, Giancarlo Della Moretta, Egidio Negri, Marco Cioccarelli, Emilio Negri, Marco Corvi e Adriano Cioccarelli.

La vincente per i negozi

Nella categoria esercizi pubblici la palma d’oro è stata assegnata all’Hotel Arisch, secondo l’Hotel Posta, terzo l’Hotel Larice Bianco, menzione speciale all’Osteria del Dosso. Segnalati anche il Caffè del Corso, la Pasticceria Corvi, il Ristorante La Stua, il Bazar Corvi, l’Hotel Cioccarelli, il Caffè Boomerang e l’Hotel Ginepro. Ai sei concorrenti da podio la commissione ha quest’anno fatto omaggio di una composizione fotografica, realizzata dallo Studio Micheli, della loro casa infiorata.

La commissione giudicante era composta dal presidente Lino Liscidini (ha esortato i cittadini e i proprietari di case a partecipare tutti all’abbellimento floreale di Aprica) e da Antonia Longhi, Elisabetta Polatti, Maria Cappellari e Alba Moroni. Insieme a quelli del loro tradizionale repertorio, brani più nuovi sono stati presentati dal Coro Gambuér: Ferdinando, Nanneddu meu, L’ultima notte, il Golico e Joska la rossa. Finale in bis con i brividi di Signore delle Cime.