GARDA – Ritrovato morto il turista di Hong Kong

0

Felitzea Li Marr, informatico 65enne originario di Hong Kong, era scomparso lo scorso venerdì 10 agosto durante una passeggiata sul lago di Garda, dove si trovava in villeggiatura con la moglie che, non vedendolo rientrare dalla montagna per cena, aveva lanciato l’allarme.

Il corpo dell’uomo è stato rinvenuto sabato da due alpinisti, ai piedi del monte Luppia, un promontorio limitrofo alla Rocca del Garda, che hanno sentito un odore pungente provenire dal ghiaione sotto la parete. Il volo di 70 metri dalla cima della collina non gli ha lasciato scampo. “Prima hanno notato la borraccia di Marr, ruzzolata ai piedi dello strapiombo. Poi, avvicinatisi ancora, hanno intravisto il corpo martoriato”, ha raccontato Roberto Morandi del Soccorso Alpino. “I due hanno quindi avvisato il 118, il quale ha girato la segnalazione alla nostra squadra speleologica, ancora impegnata nelle ricerche sulla Rocca. I soccorritori si sono precipitati sul posto. C’è voluto l’aiuto della sezione alpina per calare la salma giù dal ghiaione con le corde, e poi per trasportala a spalle su una barella, attraverso il bosco, fino alla strada. Anche il monte Luppia era stato ispezionato, nonostante le ricerche si fossero concentrate maggiormente sulla Rocca, vicina all’albergo del turista e più rispondente alle ipotesi dei familiari. Marr invece, dopo diverse ore di cammino, era giunto in cima al promontorio vicino, il Luppia. E forse, rendendosi conto di essere in ritardo per la cena, aveva cercato una scorciatoia nel canalone che scende sul lato di Garda. Un percorso troppo ripido, però, per essere affrontato senza corde”, ha spiegato Morandi. Il capitano Mario Marino dei Carabinieri di Peschiera ha aggiunto che “l’autopsia non è necessaria perché l’esame cadaverico, effettuato sul posto del ritrovamento, non ha rilevato segni di aggressione. Il turista è scivolato, morendo probabilmente sul colpo per le gravi ferite riportate nella caduta. Le colline lacustri sono zone belle, ma impervie. E questa vicenda ci spinge a fare un ulteriore appello agli escursionisti. Non abbandonate mai i sentieri”.

All’hotel Regina Adelaide, i familiari, dopo lunghi giorni colmi di angoscia e speranza, sono chiusi nel dolore. La salma, portata in un primo momento all’Istituto di Medicina Legale di Borgo Roma, potrà essere rimpatriata: il funerale sarà celebrato a Londra, luogo in cui risiedono i Marr.