DESENZANO – Opere pubbliche: la vecchia amministrazione ne rivendica la paternità

0

La sfida elettorale delle elezioni amministrative 2012 s’è conclusa con un ballottaggio, il cui epilogo ha visto la maggioranza dei voti andare a Rosa Leso, candidata del Pd e della lista civica Aria Nuova. Il programma politico del neosindaco pone al centro il cittadino in un contesto di solidarietà, trasparenza, pari opportunità accoglienza, equità e rispetto della legalità.

Insediatasi sul finire del mese di maggio, la prima cittadina di Desenzano non ha perso tempo: poco dopo il voto è stato ampliato il parcheggio di via Cavour, è stata riqualificata l’area a lago di Vò, dove è sorto un parcheggio con 60 posti auto, ed è stato realizzato in prossimità del parcheggio con il Belvedere un chiosco concesso tramite bando ad un privato per 25 mila euro annui. In questi giorni sono poi terminati gli interventi volti ad ampliare il marciapiede che da via Vighenzi arrivano a via Malagutti, all’altezza delle Cantine Visconti. In programma per i prossimi mesi c’è l’introduzione di 140 nuovi loculi nel cimitero di Desenzano, l’asfaltatura delle strade, il recupero di Vicolo Signori e la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione in Piazza Matteotti, tra la Navigarda e il ponte alla veneziana.

La vecchia amministrazione, e in modo particolare l’ex sindaco Felice Anelli e l’ex Assessore ai Lavori Pubblici Mario Corti, hanno rivendicato nei giorni scorsi la paternità di numerose opere pubbliche, alcune già terminate, altre in agenda per quest’autunno. Si tratta, infatti, di una serie di interventi la cui realizzazione, a causa di ritardi tecnici, non è potuta essere portata a termine lo scorso anno. “È giusto – ha affermato Anelli, dopo aver rimarcato che alcune opere sono state realizzate con l’avanzo di amministrazione – che la gente sappia che sono opere nostre”.