DESENZANO – Verso un ospedale sempre più funzionale ed efficiente

0

Una novità che di certo non può essere trascurata quella introdotta dall’ospedale “Montecroce”: a partire dai primi di luglio, grazie al sostegno economico della Regione Lombardia, ha preso avvio un progetto di sperimentazione volto a garantire la riduzione dei tempi d’attesa in Pronto Soccorso, migliorando così l’efficienza del servizio offerto. “Questo progetto – ha sottolineato il Direttore Generale Dott. Fabio Russo – è stato avviato al Pronto Soccorso di Desenzano perché registra oltre 50.000 accessi annui, nel 2011 per la precisione sono 56.486 le persone che si sono rivolte alla nostra struttura, e dovrebbe portare ad una più completa informazione sulle procedure sanitarie in atto e auspicabilmente ad una riduzione dei tempi di attesa. Questo ci permetterà sia di offrire un servizio più attento e puntuale ai nostri pazienti che di allinearci con le nuove modalità organizzative adottate da Regione Lombardia nel settore emergenza-urgenza.”

In modo particolare, è stato creato un percorso ad hoc per quei pazienti che, al momento dell’accettazione, non presentano condizioni critiche tali da rendere necessario un intervento immediato. I pazienti a cui viene attribuito un codice di colore bianco o verde verranno, infatti, visitati da uno specifico ambulatorio a loro dedicato, aperto il lunedì dalle 8:00 alle 20:00 e dalle 14:00 alle 18:00 gli altri giorni, in grado di garantire quelle prestazioni di primo livello che di regola non presuppongono esami diagnostici come analisi di laboratorio, radiografie o consulenze specifiche. Un doppio binario a seconda della priorità permetterà una migliore organizzazione delle risorse e al tempo stesso determinerà la riduzione dei disagi derivanti da tempi d’attesa spesso inadeguati. Inoltre, al fine di rendere edotti i pazienti circa i tempi d’attesa, si sta procedendo ad un adeguamento del sistema informatico che permetterà a breve l’installazione di un nuovo monitor nel quale verrà indicato il numero dei soggetti degenti presenti, le urgenze in corso e la posizione di ognuno nelle liste d’attesa. Attraverso tale strumento, gli accompagnatori potranno seguire, nel rispetto della normativa sulla privacy, l’iter sanitario del malato.

Il progetto, inoltre, ha visto l’introduzione di ulteriori argomenti: i pazienti a cui verrà assegnato un codice bianco dovranno compartecipare alla spesa sanitaria sostenuta dall’ospedale tramite il pagamento di un ticket di euro 25,00 e si realizzerà un’omogeneizzazione dei criteri di attribuzione di tali codici grazie all’adozione di protocolli univoci stabiliti con delibera regionale.