La crisi se Israele attacca l’Iran

0

Lo scrissi in un editoriale del 17 maggio scorso che ero preoccupato per una serie di avvenimenti che stavano succedendo dei quali nessuno parlava.

Arabia Saudita e Stati Uniti stavano aumentando le scorte di greggio con il raddoppio della loro capacità produttiva. Non un buon segnale, visto che la crisi in corso ha fatto sì che il consumo globale di petrolio è nettamente calato.

Oggi un articolo su “il Foglio.it” rende noto ai più di un cambio al vertice del ministero della difesa in Israele, motivandolo con un’accelerazione delle decisioni relative ad un attacco all’Iran.

E’ un peccato che nessuno in Italia se ne preoccupi, presi come siamo a seguire le quotidiane liti di politica interna e le montagne russe dello spread.

E non è certo per essere fichi che ne parliamo su una testata a forte vocazione locale. D’altra parte l’avevamo scritto al nostro esordio sul web: puntavamo alla realizzazione di una testata fortemente radicata sul territorio ma con un occhio a quelle frontiere – anche lontane – le cui vicende potevano in qualche modo influire sulle nostre vite.

E un attacco d’Israele all’Iran potrebbe affondare definitavamente le economie occidentali così dipendenti dall’oro nero.

Se chiudono – anche per un breve periodo – lo stretto di Hormuz nessuno è in grado di prevedere cosa succederà al prezzo di un barile di petrolio.

Nessuno dei nostri illuminati politici ha mai parlato di ciò che sta accadendo nel quadrante mediorentale e io temo che questo non sia un sintomo della riservatezza dei nostri governanti bensì la conferma della loro incapacità di affrontare gli eventi avendoli prefigurati per tempo e – quindi – avendo anche alcuni piani di emergenza adeguati.

Di fronte ad una crisi che si aggravasse a causa di un conflitto Israele-Iran temo proprio che nemmeno un popolo abituato a fare da se come gli italiani potrebbe sopravvivere economicamente.

Spero di sbagliarmi e rimango in attesa che dai piani alti qualcuno batta un colpo per tranquillizzarci in merito ai problemi che ho esposto ma sommettete che rimarrò deluso?